Servizi
Contatti

Eventi



Proposte Letterarie
del Club “Lions Taranto Host”

Presso la Sala Conferenze della Biblioteca Civica “Acclavio” di Taranto, cortesemente offerta dal Direttore dott. Gianluigi Pignatelli, alle ore 17,00 dello scorso 27 aprile 2017 nell'ambito dell'iniziativa del Club “Lions Taranto Host” si sono svolte alcune presentazioni letterarie: il romanzo “Berlino-Roma e viceversa” (Besa editrice, 2014) della scrittrice Antonietta Benagiano, cui è seguito il saggio “Riva dei Tessali, una sfida, una vittoria” (Dellisanti editore, 2012) di Marisa Lo Martire Schiavone (già docente presso il liceo “Archita” di Taranto).

da sx: Antonietta Benagiano, Arcangelo Alessio e Marisa Lo Martire Schiavone.

Il Presidente del Club “Lions Taranto Host”, direttore del Museo Archeologico di Taranto, prof. Arcangelo Alessio, lettore delle suddette opere dietro sollecitazione della socia Marisa De Magistro, ha proposto le due opere ai soci del Club, e non solo (tra gli altri c’erano anche studentesse del Liceo “De Ruggieri” di Massafra).

Antonietta Benagiano e Marisa De Magistro.

Sara Montorsi

Giovanni Sebastio

Il Presidente ha aperto la serata con un cordiale saluto e il grazie ad autrici, relatrici e pubblico. Cerimoniere il colonnello dell’Aeronautica Militare Giovanni Sebastio, dialoganti con le autrici la prof. Maria Carmela Pagliari (docente presso il Liceo “De Ruggieri” di Massafra e critico molto apprezzato) e la dott. Sara Montorsi, (psicologa esperta in mediazione familiare). La prof. Pagliari, dopo aver letto la nota al romanzo dell’insigne Poeta e Critico Giorgio Bárberi Squarotti, scomparso di recente, ha brevemente accennato al curriculum di Antonietta Benagiano, ricco di opere di varie tipologie letterarie, oltre che di tanti primi premi significativi, di onorificenze e partecipazioni culturali di alto rilievo

 Ha ribadito che il romanzo non è solo una particolare storia d’amore, letto qualche brevissimo stralcio e chiesto di delucidare talune tematiche e problematiche in esso presenti: dal concetto di diversità agli eventi storici e dell’attualità difficile, da taluni aspetti socio-psicologici e antropologici al rilievo dato all’arte, dall’amore verso la terra dei padri al finale aperto.

da sx: Antonietta Benagiano, Arcangelo Alessio, Marisa Lo Martire Schiavone e Maria Carmela Pagliari.

Antonietta Benagiano, dopo il grazie, in primis ha voluto onorare il Poeta Giorgio Bárberi Squarotti con la declamazione della poesia “Dalla terrazza”, ha poi parlato della paraletteratura imperversante e di ciò che contempla la letteratura, del concetto di diversità legato alla libertà, di innamoramento e amore (richiamando Alberoni), dell’individuo come onda unica (riferendosi a Jaspers), essere barionico e al tempo stesso oscuro, della scienza come scoperta e dell’arte come svelarsi del vero, e poi dell’amore per la terra natia, del degrado e delle difficoltà dei giovani e di altro ancora.

La parola è poi passata alla dott. Sara Montorsi che ha posto in rilievo l’amore nei diversi aspetti, il bel ricordo della Schiavone come sua docente, per passare poi a chiederle le motivazioni del libro. La Schiavone ha parlato della lungimiranza del Conte Ferrero che per primo immaginò quel che sarebbe potuta divenire l’immensa distesa di bosco con un villaggio turistico. Sorse così quel paradiso a godimento di pochi rispettosi dell’ambiente, venne chiamato Riva dei Tessali dal manipolo di Tessali che, secondo alcune fonti, fondò la vicina Castellaneta.

Maria Carmela Pagliari

Ha menzionato il marito Ignazio Schiavone, posto in rilievo il suo rispetto per l’ambiente. La serata letteraria, seguita con viva attenzione e da tutti ritenuta molto interessante, si è conclusa con il saluto e il grazie da parte del Presidente che ha consegnato il gagliardetto ad autrici e relatrici.

Alcune studentesse del Liceo “De Ruggeri” di Massafra.
articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza