Servizi
Contatti

Eventi



Palazzo Ducale - Martina Franca

Puglia ... Mon Amour
mostra di arti visive

A Martina Franca, nelle sale del Palazzo Ducale, approdo al barocco voluto nella seconda metà del Seicento dal duca Petracone V Caracciolo, è stata allestita la Mostra di Arti Visive “Puglia… mon amour” (2-17 maggio 2017) a cura della dott. Carla Fiore, fattiva e dinamica Presidente dell’Associazione NovApulia.

Inaugurata lo scorso 2 maggio 2017, è stata occasione per presentare anche la silloge lirica “La rinascita dell’onda”(Self Editrice, Andriano, 2013, €10,00) dell’artista Maria Pia Putignano.

Provenienti da varie città pugliesi gli artisti: Angela Barratta (Martina Franca), incisiva nelle presenze simboliche magno-greche; Giovanna Maffei (Locorotondo), dal pennello tenue, talora onirico; Lorenzo Maiullari (Bari Palese), con presenze turbatrici nel paesaggio sereno; Sergio Malfatti (Taranto), artista/fotografo dalla particolare tecnica a effetto rilievo; Rosa Marigliano (Bari), presenza attiva a Bari col suo impressionismo onirico e gli acquerelli), Maria Pia Putignano (Lama), dalla particolare tecnica pirografica; Antonio Di Viccaro, l’italiano apprezzata presenza negli Usa; Antonio Santoro (Crispiano), particolare nell’assunto compositivo, con talune opere accolte in Vaticano; Teresa Sindaco (Lama) dai vicoli fissati in una serenità atemporale.

Maria Pia Putignano, Antonietta Benagiano.
Maria Pia Putignano, Antonietta Benagiano, Carla Fiore.

Tra il pubblico presenti anche il già assessore del Comune di Martina prof. Antonio Scialpi, il ben noto cantautore italiano Mimmo Cavallo e anche la gallerista Antonella Merra della AM Art Gallery di Giovinazzo. La Presidente, dopo il cordiale saluto col grazie ai presenti, ha brevemente ma con fervore presentato il critico della serata, la scrittrice prof. Antonietta Benagiano, cui ha passato la parola per la presentazione della Mostra e della silloge lirica in programma.

Saluto e grazie altrettanto sentiti, poi la Benagiano ha parlato dell’arte, si è riferita al poeta e regista russo Andrej Tarkoskij, per il quale l’arte non può essere anestesia, né dare anestesia se sorge dall’interiore moto dell’artista e quel moto trasmette al fruitore; essa deve, nella raffigurazione dell’esistenza, essere disvelamento, come ritiene Heinrich Lausberg.

E non può la Puglia, nei suoi aspetti incantevoli ma anche nei drammi, non produrre nell’artista e, di rimando, nel fruitore quel moto: la Benagiano ha detto di averlo sentito in sé nel guardare le opere degli artisti. Ma il moto proviene anche da paesaggi non belli, né gioiosi: le Langhe erano per il Poeta Giorgio Bárberi Squarotti, il suo “paesaggio dell’anima”, così scrive nella Introduzione al libro “Le colline, i maestri, gli dei”: “un paesaggio senza sogni, senza avventura, senza gioia delle cose”, dove dei ed eroi omerici sono incarnazione “delle più radicali e definitive sconfitte”. Ma il Poeta confessa che proprio lì ha scritto “un buon numero di opere”.

Antonietta Benagiano e Carla Fiore.
Il cantautore Mimmo Cavallo.

La Benagiano ha parlato poi di arte innovativa e di esasperazione innovativa, della rinuncia dell’arte contemporanea al disvelamento nell’affermazione esasperata dell’atto personalizzato; ha accennato inoltre all’esperimento realizzato nel 2011 a Singapore e poi ripetuto in città mondiali: una mostra senza opere dell’artista (Van Gogh senza Van Gogh), una proiezione a grande scala delle opere in tutto lo spazio espositivo con effetto di immersione multisensoriale.

Il critico è passato infine a presentare la silloge poetica “La rinascita dell’onda” di Maria Pia Putignano, autrice anche della copertina e delle illustrazioni. Nel sottotitolo (un frammento empedocleo, Sudore della terra, il mare) ha rilevato già il fil rouge, la cui sintesi è nel pensiero di Hugo posto in quarta di copertina.

Scorcio delle sale.
Alcune delle opere in mostra.

L’organizzazione, curata dal compianto critico tarantino Giovanni Amodio, offre, dopo il quasi rito iniziatico di immersione nelle acque joniche delle prime otto liriche, sette ondate (pensiero, sogno, forza, solitudine, amore, lamento, trionfo del mare), dove correlativo oggettivo del mare è l’autrice con le sue riflessioni, i sogni, la forza della lotta, la speranza e il trionfo del bene in seno alla famiglia, insieme ai nipotini che ama, con la capacità di continuare a sognare. Semplice l’itinerario lirico nello scambievole rapporto di sollecitazioni e sentimenti con l’alter che è il mare, nell’anelito, pur in esso presente, a un mondo di rispetto autentico, di pace e gioie serene.

Nel corso della presentazione sono state lette alcune liriche da Carmine Mariella, attore e regista della compagnia teatrale “I delfini” di Taranto, nonché coniuge dell’autrice. Prolungati applausi a tutti e, al termine, il saluto col grazie della Presidente e lo scambio di riflessioni nel brindisi a chiusura.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza