Servizi
Contatti

Eventi



L'Antica Salumeria del Borgo
Settimello - 30 aprile

Il 30 aprile 2016 a “L’antica salumeria del Borgo” due giovani commerciati hanno pensato di realizzare una apericena con un gruppo di amici poeti, invitando Gianni Calamassi a leggere una serie di poesie sia dei presenti, ma anche lasciando liberi di scegliere per fare in modo che la serata risultasse la più allegra possibile.

Veduta d'assieme dei presenti.

Una parte della sala.

Tra i poeti presenti Cinzia Della Ciana di Arezzo, ha letto alcune sue poesie, così come Graziella Bencini ha raccontato una sua storia giovanile, mentre Lino Speranza ha letto una lettera scritta al padre.

Gianni Calamassi invece ha letto le poesie di: Cinzia della Ciana, Lenio Vallati – promotore della serata insieme a Lino SperanzaPietro Trapassi, Roberta Bagnoli,

L'altra parte della sala.

 

Gianni Calamai, inframezzandole con poesie dialettali attinenti ai temi “seri” presentati; tra queste: “Il re travicello” di Giuseppe Giusti, di Trilussa “L’amore e l’odio”, “Er vento e la nuvola” e “L’arresto der Commendatore”, di Gioacchino Belli “Li salari arretrati”, mentre di Renato Fucini leggeva “Er parlamento”, “La tassa ‘n su ‘ani”, “Firenze e lo strapòlto della ‘apitale” e infine “La bruciatura der principe indiano” in dialetto pisano.

Splendida l’accoglienza dei proprietari, che hanno presentato il meglio dei loro prodotti, terminando con un brindisi elevato alla serata che ha saputo unire la poesia al più prosaico baccelli e pecorino!

Brindisi in primo piano Gianni Calamassi e Lino Speranza.

Il prof. Andrea Matucci, dell’Università di Siena, ci ha fatto compagnia, dando lustro alla serata, ed ha omaggiato i nostri ospiti di un sonetto a rima baciata in ricordo della serata!

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza