Servizi
Contatti

Eventi



LiberArte
Almanacco Antologico 2017

Alcune letture

Nell’ambito della mostra collettiva dei soci di Liberarte sull’acquerello, che si è tenuta presso la sede espositiva “San Sebastiano” a Sesto Fiorentino, si è svolta sabato 8 aprile 2917 la prima lettura dei brani pubblicati sull’Almanacco Antologico di Liberarte edito per documentare l’attività dell’Associazione dalla sua fondazione ad oggi.

La locandina dell'evento.

Guido Nardi, Presidente dell'Associazione.

Le letture sono state tenute da Ilaria Bucchioni e da Gianni Calamassi, dopo una introduzione del Presidente dell’Associazione Guido Nardi e dell’organizzatore della serata Lenio Vallati, che ha presentato i due lettori.

Lenio Vaillati.

Ilaria Bucchioni e Gianni Calamassi.

Gianni Calamassi in qualità di decano, ha voluto ricordare lo scomparso Mauro Battisti di cui ha letto la poesia “La vedova”, quindi ha proseguito con le poesie di:

E’ ancora vita” di Anna Maria Pacchetti

“Stormi di uccelli s’involano al rumore dei miei passi
una rondine ha nel becco un lungo filo di paglia
per il suo nido d’amore.
Mi nasce dentro un sorriso
ed è ancora vita.”

Pianto solitario” di Antonietta Gioscia

“La calda brina disegna strisce
Sul volto sconfitto dal pianto
Io, che il mondo avrei voluto
Lacrime frantumate tra le mani stringo.”

Quindi ha intercalato le letture con i brani letti da Ilaria Bucchioni di:

Madre ricordo” di Gianni Calamassi e “Uomo solo” di Giovanna Chellini

Quindi l’autore ha recitato

Come una tempesta” di Beatrice Belli

“L’incontro del rosso e del blu
è lo scontro dell’impotenza con una grande e coraggiosa
verità
è come una tempesta, è il viola…”

Dicono di me” di Fabrizio Finetti

“Dicono di me
Parole senza senso
Frasi fatte, legate a situazioni”

A cui ha fatto seguito Ilaria Bucchioni con “Siamo” di Lenio Vallati e “Compagna fedele” di Letizia Parigi.

La serata è proseguita con la lettura di

Lunedì Pasqua 2000” di Pietro Trapassi

“Rivedo un bimbo biondo
sul cavallino di cartapesta
felice nel giorno dei Morti.”

Per la vita” di Silvana Cipriani

“Il percorso della vita nel tempo
che…
corre via, marcato dal silenzio in
tutta…
la sua riflessione.”

e di “Il fiume della Sieve” di Lino Speranza, “Come puoi guardare il cielo” di Nicoletta Corsalini, di “Come acqua” di Roberta Bagnoli, recitate da Ilaria Bucchioni.

Gianni Calamassi.

Il pubblico.

La serata si è conclusa con la lettura dei racconti

Un ultimo sussurro” di Guido Nardi

“Intreccio la mano nella sua. Le nostre dita si toccano, si cercano e assorbono il calore del contatto. Palmo contro palmo. Quanti anni sono passati? Ventisei, ventisette? Sembra ieri. Lisa è ancora carina, invecchiata certo, ma gradevole nel viso e nei modi come la ricordavo. E’ strano dopo tanto tempo, eppure siamo qui. Si è lasciata andare o forse….”

Una giornata di primavera” di Rosita Comparini

Un pubblico attento ha seguito le performance delle due voci recitanti.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza