Servizi
Contatti

Eventi



Donna, oggi, ieri e sempre

Si è svolta domenica 11 marzo 2018 a Villa San Lorenzo di Sesto Fiorentino, organizzata da Lenio Vallati, responsabile della sezione letteratura dell’Associazione Culturale LiberArte una serata dedicata alla donna “Donna, oggi, ieri e sempre” che prevedeva la lettura di testi poetici recitati dall’attrice Ilaria Bucchioni e da Gianni Calamassi: le letture sono state intervallate da brani musicali ottimamente interpretati dalla pianista Irene Polidori della Scuola di Musica di Sesto Fiorentino.

Locandina

Articolo da"Bisenzio 7"-

Davanti ad un pubblico importante, malgrado la serata tempestata da una pioggia insistente, l’avvenimento si è svolto in un clima di serena amicizia e di comprensibile soddisfazione sia degli organizzatori che del pubblico, che in un silenzio toccante ha accolto i brani poetici con piena partecipazione.

Lenio Vallati l'organizzatore.

L'attrice Ilaria Bucchioni.

La serata aveva trovato la sua premessa nell’articolo di Alessandra Bruscagli, presente anche come poetessa, pubblicato su “Bisenzio 7” nel quale oltre a presentare l’appuntamento, elencava i nomi delle poetesse e dei poeti presenti con i loro brani.

Gianni Calamassi.

Irene Polidori.

Le poesie sono state suddivise tra Ilaria Bucchioni e Gianni Calamassi, che hanno dato vita all’avvenimento scegliendo un ordine personale, ed invitando sempre gli autori a voler spendere due parole sul loro brano.

Ilaria Bucchioni dopo aver recitato l’acrostico di Graziella Bencini, ed aver parlato dei significati storici della festa della donna, ha letto i brani di:

Alessandra Bruscagli e Gianni Calamassi.

Adua Biagioli.

Giovanna Chellini – La stella del viandante | Julius Camilletti – Donna Brillante

Lenio Vallati – Un pensiero per Valeria | Letizia Parigi – Stolker (psiche contro)

Lucia Sarti – Essere donna | Massimo Rosati – A Viviana | Roberta Bagnoli - Eredità

Nicoletta Corsalini – Con le mani | Silvia Iafisco – Rea Silvia è colpevole.

Francesca Ulivelli e Gianni Calamassi.

Graziella Bencini e Gianni Calamassi.

Gianni Calamassi prima delle letture delle poesie ha parlato, riferendosi al suo libro “Nina al femminile è meglio …”, del ruolo delle madri nella crescita dei figli maschi in relazione ai femminicidi; ha recitato, nell’ordine riportato, i seguenti brani:

Silvana Cipriani – Fiore di donna | Roberta Incerpi – Ancora insieme

Gianluca Ciappi – Saprai vivere tra le nuvole | Lino Speranza – Una rosa in bocca

Antonella Mugnai – Daisy | Adua Biagioli – La vita è un’apertura (da “Il tratto dell’estensione”) | Graziella Bencini – Amiche donne | Lidia Atzori – Solo per te

Alessandra Bruscagli – Un giorno in giallo | Francesca Ulivelli – Donna anima forte

Massimo Acciai – 8 marzo

Lidia Atzori e Gianni Calamassi.

Massimo Acciai e Gianni Calamassi.

L’ordine di lettura aveva per Gianni Calamassi il significato di evidenziare che, se “la forza in te è il cemento che tiene unita la famiglia” (S. Cipriani) e se la presenza dell’uomo è l’invito a lui rivolto “Ascolta amore: un altro giorno insieme” (R. Incerpi), il “saprai vivere tra le nuvole” (G. Ciappi) rivolto alla cantante Mia Martini , denuncia la mancanza del sentimento che, purtroppo, può arrivare a manifestarsi con “un pugnale al petto” pur mantenendo il “sorriso sulle labbra” (L. Speranza): è allora che si alza il grido delle donne “in nome delle tante Daisy violentate nella propria Dignità (A. Mugnai) da proteggere.

da sx: Ilaria Bucchioni, Irene Polidori, Lenio Vallati e Gianni Calamassi.

Infatti la domanda che sgorga prepotente è “Tu dici ancora Amore?” (A. Biagioli) a cui si unisce l’invito alle giovani donne “Fate fuggire lontano i sogni non raggiunti” (G. Bencini) e anche se “c’è sempre un conto da pagare!” (L. Atzori) arriva “un altro giorno in giallo da condividere” (A. Bruscagli) con ogni donna, perché essa è “un fiore dall’anima forte che non demorde” (F. Ulivelli).

La pianista Irene Polidori.
Gianni Calamassi al termine della serata.

Si conclude la serata con il dolore per la perdita di una madre, distrutta da una lunga malattia, che arriva l’8 marzo, giorno del suo compleanno, ma se “ricordo anche il tuo sorriso giovane” (M. Acciai), questo è il messaggio a cui unirsi, perché l’amore di un figlio può pensarla eternamente sorridente.

La mimosa è il pensiero donato a tutte le donne presenti dalla madre di Lenio Vallati, il quale ha sigillato questa serata con un brindisi di buon augurio.

Parte del pubblico.

Marzo 2018

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza