Servizi
Contatti

Eventi



Un ponte culturale tra la Sicilia e Padova

L’Associazione Levi-Montalcini Centro di orientamento di Abano, in collaborazione con la Dante, Comitato di Padova, e il patrocinio del Comune di Padova, ha presentato, il 6 ottobre 2013 alle ore 17.30, a Padova nella Sala degli Anziani di Palazzo Moroni Sicilitudine” e Letteratura Recensioni, interviste e curiosità su alcuni grandi autori siciliani, Zancle ’85 edizioni, 2011 di Giuseppe Ruggeri, medico scrittore di Messina.

da sx: Maria Luisa Daniele Toffanin, Raffaella Bettiol, Giuseppe Ruggeri, Roberto Fassina e Stefano Valentini.

Maria Luisa Daniele Toffanin, coordinatrice culturale del Centro di orientamento, rivolge un saluto affettuoso ai numerosi presenti convenuti a Padova, Palazzo Moroni, Sala degli anziani, e ringrazia i tanti che hanno collaborato per il buon esito dell’evento: il Comune di Padova, Raffaella Bettiol, presidente della Dante, Santa Costanzo e Roberto Fassina per il Gruppo culturale dell’ Ordine dei medici, Stefano Valentini direttore di “La Nuova Tribuna Letteraria” e infine il lettore Federico Pinaffo, che darà anima ai personaggi.

Un grazie speciale a Giuseppe Ruggeri che, con la sua presenza a Padova, realizza un ponte culturale tra la Sicilia e la nostra città, un ponte che poggia su un’ antica amicizia e il comune amore per la scrittura, la curiosità per gli uomini e le cose. Sottolinea anche che Sicilitudine è un’opera che evidenzia con stile asciutto e accattivante la poliedrica anima di Ruggeri che passa con agilità attraverso vari generi letterari e qui conferma le sue qualità raffinate di giornalista e studioso del mondo letterario isolano ma non isolato.

da sx: Federico Pinaffo, Maria Luisa Daniele Toffanin, Raffaella Bettiol, Giuseppe Ruggeri, Roberto Fassina e Stefano Valentini.

Raffaella Bettiol e Roberto Fassina esprimono la partecipazione dei loro gruppi culturali e, in modo diverso, ripercorrono l’attività di Ruggeri che si dirama dai racconti ai saggi, alla poesia, ai romanzi, agli articoli giornalistici. Ed appunto evocano le sue diverse trame giornalistiche attraversate da autori quali Piccolo, Consolo, Quasimodo, Tomasi di Lampedusa, Cattafi, pagine vivificate poi dalla voce del leggitore. Stefano Valentini e la Toffanin approfondiscono, in una appassionata conversazione con Giuseppe Ruggeri, l’analisi degli autori sopraccitati nei loro rapporti umani e letterari, riprendendo temi significativi del volumetto, già ampiamente recensito dalla Toffanin nel n.110 di La Nuova Tribuna Letteraria. In particolare colloquiano sui rapporti tra Lucio Piccolo e il suo barbiere, tra lo stesso Piccolo, Consolo e Tomasi di Lampedusa, sulla loro partecipazione al convegno di San Pellegrino (tra l’altro era presente anche Andrea Zanzotto). Si soffermano anche a parlare del carteggio di Quasimodo con vari autori del continente e della sua amicizia con Giorgio La Pira. Il pubblico segue con attenzione ed interviene nella ricostruzione di questa atmosfera culturale in cui vive l’isola proiettata in una dimensione altra… radicata nella sua grecità, innervata dalle sue diverse anime, originale e armoniosa nel coro a tante voci con vivi richiami con la civiltà italiana ed europea. Come puntualmente ricorda Sergio Di Giacomo nel suo articolo sulla Gazzetta del Sud di Messina del 31.10.13, riferendosi spesso alla stessa recensione della Toffanin di cui abbiamo precedentemente parlato.

L’incontro si conclude con grandi applausi per l’argomento interessante e spesso inedito in molti risvolti. Successivo è un momento conviviale al Pedrocchi particolarmente apprezzato da Ruggeri.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza