Servizi
Contatti

Eventi



Daniela Quieti alla Camerata dei Poeti

con il nuovo libro “Il reale e l'immaginario”

Giovedì 19 settembre 2019 alle ore 17, presso la Camerata dei Poeti, Via Folco Portinari Firenze, è stato presentato il nuovo libro di poesie di Daniela Quieti, giornalista e scrittrice: Il reale e l’immaginario, Pegasus Edizioni 2018. A presentare Carmelo Consoli, Presidente della Camerata dei poeti e Roberta Degl’Innocenti Vice Presidente. Sonorità fra le arti a cura di Silvia Ranzi. Letture di Andrea Pericoli.

Intervento di Carmelo Consoli.
Intervento di Roberta Degl'Innocenti.

Nel corso del pomeriggio ha parlato l’autrice, spiegando la genesi del libro.

Letture di Andrea Pericoli.

Momenti del pomeriggio.

Di seguito l’intervento di Roberta Degl’Innocenti:

Daniela Quieti, giornalista, scrittrice, saggista, poetessa, è una persona straordinaria, sia per il suo valore poetico e non solo, viste tutte le attività che svolge, ma anche per la sua umanità e l’impegno che mette in tutto ciò al quale si rivolge. Mi sono occupata di un suo libro alcuni anni fa, presso il Caffè Storico Letterario Giubbe Rosse, insieme a Jacopo Chiostri, in occasione della presentazione del saggio:

Grendel e il Poeta - Da Beowulf a Shakespeare

Oggi ci troviamo ancora in uno dei luoghi più importanti di Firenze: la Camerata dei Poeti, presso l’Auditorium, da sempre meta di poeti e scrittori.

Intervento di Silvia Ranzi su Sonorità fra le arti.
Il tavolo della presentazione.

In questo caso Daniela ci propone un libro di poesie dal titolo Il Reale e l'Immaginario, Pegasus Editore.

Il libro, introdotto da Giusy Cafari Panico, è un viaggio, attraverso il quale, con l’espediente di mirabili versi, il lettore è preso per mano, come scrive la stessa Giusy, illuminandosi e illuminandoci con la grazia della spinta immaginativa dello spirito.

Sensazioni, sentimenti, l’assenza di chi non è più con noi, tutto viene filtrato dalle parole di Daniela che porge il suo scritto con semplicità ma, nello stesso tempo, grazia e stupore.

Dalla prima parte del libro (Il reale)

Alcuni versi che chiudono una poesia straordinaria:

Natale non è Natale senza di te (pag. 25/26)

Ti cerco ovunque mentre prego
una riscrittura vorrei del pianto
che costò l’aver amato
un segno basterebbe
nel tuo recinto
a ricomporre brandelli di corona
divina convergenza
che dalle stelle scende

e ancora m’innamora

Quindi il ricordo che si fa pensiero infinito, la dolcezza di un amore che vive oltre il tempo e nel tempo.

Ricordare è anche scrivere, e tramite le parole, eternare sentimenti e sensazioni.

L'autrice Daniela Quieti.

L’immaginario

Un giglio (p.*47)

Somiglia il tuo tempo a un giglio
che sboccia nel chiarore di colline
e disegna sull’ardente cielo
memorie e lontananze custodite
tra pienezze d’un sigillo schiuso

Una poesia, quella di Daniela, efficace, che giunge al lettore fermandosi sulla soglia del ricordo che si fa verso, dialogo con l’amato, nonostante l’assenza, o forse proprio per questa, in comunione di versi e sentimenti.

Il reale e l’immaginario, ultimo e nuovo libro di Daniela Quieti è prezioso nello svolgere il dettato dei versi.

Momenti del pomeriggio.

Ci porta indietro nei ricordi, che possono essere comuni a tutti noi, basta guardarsi indietro nel tempo, ed ascoltarne i sussurri”.

Camerata dei Poeti,
19 settembre 2019

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza