Servizi
Contatti

Eventi



Una serata con… Rita da Cascia

il sasso nello stagno

Ha avuto luogo, nelle date del 21 e 22 maggio 2019, nella splendida cornice del Villaggio di Sant’Agostino, nel cuore di viuzze del centro storico della città di Martina Franca (Taranto), la rappresentazione “artistica” – è il caso di definirla in questi termini – di “Rita…figlia…Madre…Santa”, realizzata in occasione della festa di Santa Rita, dalla Compagnia “Le Quinte”, con la regia di Pasquale Nessa. Una rappresentazione teatrale, che ha coinvolto attori, narratori e due ballerini, che ha riproposto, a un pubblico numeroso e partecipe, nonostante la temperatura autunnale, alcuni episodi della vita di Margherita Lotti, per tutti santa Rita, religiosa italiana definita “santa delle cose impossibili”, dalla sua comparsa sulla scena pubblica nella medievale Roccaporena, fino alla sua morte in odore di santità, avvenuta agli inizi del Rinascimento, a Cascia.

Un percorso particolare e dettagliato, quello scelto dal regista, incentrato parallelamente sulla umanità e sulla santità di questa volitiva donna, figlia del suo tempo in ogni atto e incrollabile nella fiducia in Dio, ambientato nel chiostro dell’antico ex convento delle suore Agostiniane (ordine a cui appartenne anche la santa), dove – come scrive la Priora della Comunità di S. Rita in Cascia a mezzo lettera – “oltre a far conoscere S. Rita e il suo messaggio con il vostro spettacolo, desiderate far rivivere la spiritualità agostiniana in un Monastero dove per tre secoli hanno abitato le nostre Consorelle di vita contemplativa, in Valle d'Itria.”

Il Convento delle Monache Romite Agostiniane sorse nel XVII secolo per volontà dell’arcivescovo Tommaso Caracciolo. Il convento, che si ispirava alla regola di Sant’Agostino, accoglieva le figlie dei ceti più abbienti di Martina Franca. La possente struttura ruota attorno a un chiostro con due pozzi di forma ottagonale ed è ingentilita sul terrazzo da una balaustra traforata decorata con statue di angeli e fiaccoloni (dal sito villaggiodisantagostino.it).

In questa location, sfruttando la naturale fisionomia del luogo, abbellito solo da piccoli fuochi, oggetti posati sullo sfondo per dare vita ad una quotidianità che ha sottolineato ogni atto, un crocifisso “sospeso” e un tavolo-altare-catafalco funebre, Pasquale Nessa con sensibile occhio ha ambientato uno spettacolo originale, soprattutto nell’uso di tutti e tre i livelli disponibili del fabbricato principale (piano di calpestio e due piani di edificio) per la messa in scena della vita della santa umbra, adoperando le finestre poste sotto gli archi, come nicchie berniniane per l’uscita ad oc di alcuni personaggi, come ad esempio la figura di Dio, muta e ieratica dalla sua posizione sopraelevata o, della morte stessa, nello specifico quella del marito di Rita, accaduta al secondo piano dell’edificio e che ha costretto gli astanti, guardando verso l’alto, a comprendere che vi è un destino superiore rispetto alla volontà umana. Dettagli, perfettamente incastonati nella naturale scenografia, che hanno segnato la professionalità e la passione del regista, il quale ha evitato costruzioni ad arte, evidenziando in tal modo l’armonia coi luoghi vissuti nella recita.

La compagnia “Le Quinte”, composta da elementi di età differente, lavorando con coesione e rispetto reciproco, ha reso al pubblico una drammatizzazione onesta e professionale, nella quale è risultato quasi indistinguibile estrarre la parte di punta rispetto a tutto il gruppo; tutti, dalla giovane interprete di una santa Rita all’inizio del suo cammino, fino a colei che ha interpretato Rita sul letto di morte, passando dai genitori, al marito, alle consorelle della santa e persino dalla figura originale e caratteristica del sacrestano-giardiniere, interpretato da un riccioluto giovane che si esprimeva con un credibilissimo accento umbro-marchigiano, hanno offerto al pubblico un’ora e mezza intensa, intrisa di misticismo e realismo, sacralità e forza, nel rispetto dell’agiografia ufficiale della santa di Cascia e del contesto sacro in cui ha avuto luogo la rappresentazione, senza mai forzare la mano in favore di episodi di facile presa sul pubblico, ma, semplicemente, lasciandosi docilmente guidare dagli episodi tramandati dalla storia e dalla Chiesa, in un crescendo drammatico, funzionale alla più grande gioia a cui Dio predispone l’uomo fin dai primi atti della vita a cui lo relega.

Un momento di grande suggestione e di particolare interesse è stato quello della notte scura dell’anima di Rita, inevitabile prova a cui è sottoposto il genere umano, rappresentato in danza: la lotta tra la giovane donna e il Tentatore, resa in scena da due danzatori professionisti (Francesco Bax e Francesca Sibilio), che non si sono risparmiati nell’espressione potentemente fisica del contrasto acerrimo tra Bene e Male, con movimenti tecnici dal forte impatto sul pubblico e la bellezza etera di un’arte, che al meglio è riuscita ad esprimere l’estenuante morsa fisica a cui è stata sottoposta anche questa santa, sottolineati da musiche scelte con cura, ausiliarie di un coinvolgimento emotivo che non ha risparmiato qualche lacrima nel pubblico, mettendo in luce la capacità empatica del lavoro di Pasquale Nessa.

La serata si è conclusa con la rappresentazione degli ultimi istanti di vita terrena di santa Rita, la “santa delle cose impossibili”, che, in un monologo diluito in più riprese, ha riassunto una lunga e densa esistenza per mezzo della spiccata capacità attoriale dell’interprete, la quale, in scena su un letto di morte, ha commosso un pubblico già provato da susseguenti emozioni fin dai primi momenti narrati da una voce esterna interpretata da un “messere”, che sempre ha tenuto fra le mani una rosa rossa, simbolo per antonomasia e ricordo della santa provata da Dio nella perdita di ogni suo affetto e ricompensata nell’eternità.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza