Servizi
Contatti

Eventi



“Pagine della nostra vita”
in poesia

L'associazione culturale 'Sguardo e Sogno', in collaborazione con il consigliere delegato alla Cultura della Città Metropolitana, ha proposto giovedì 12 aprile 2018, nella Sala Oriana Fallaci di Palazzo Medici Riccardi – nel centro di Firenze, non lontano dalla splendida Cupola del Brunelleschi - l'incontro Pagine della nostra vita, promosso dalla presidente dell’associazione Paola Lucarini e introdotto da Michele Brancale.

Paola Lucarini

Michele Brancale

L’incontro ha visto la partecipazione – secondo una formula nuova, di notevole efficacia – di cinque autori che “si sono raccontati”, hanno parlato del loro rapporto vita-scrittura, hanno letto propri testi; di particolare interesse il dialogo finale con i presenti in sala, che ha dato luogo ad un approfondimento importante sulla parola poetica e sulla posizione della poesia nella cultura di oggi.

Ezio Andretti

Pubblico

Erano invitati all’incontro i poeti Ezio Andretti, Alba Avarello, Marzia Biondi, Paola Gatti e Roberto Mosi. Particolare soddisfazione ha espresso Paola Lucarini per questa nuova esperienza, da lungo tempo progettata che alla prima occasione si è dimostrata di successo e che sarà ripresa in futuro con cadenza mensile.

Roberto Mosi

Cupola del Brunelleschi.

Fra gli autori, Roberto Mosi ha parlato della sua attività di lavoro svolta nel Palazzo Medici Riccardi e nel vicino Palazzo Budini Gattai, della Regione, sovrastato dalla mole della Cupola del Brunelleschi, e ha letto una delle sue ultime poesie - dalla raccolta “Eratoterapia”, Ladolfi Editore - che esprime un sentimento riconoscente per la bellezza che dà anima alla città di Firenze.

La Cupola

Conta le persone in fila
in piazza Duomo,
corre avanti e indietro.
La musica del violino
la insegue.

Conta gli scalini,
quattrocentosessanta,
per salire
al ballatoio, alla volta
affrescata dal Vasari.

Conta i diavoli
del Giudizio Universale.
Le bocche spalancate

divorano schiere
ignude di dannati.

Conta affannata
i gradini dell’ultima
rampa
avvolta fra le ali
della Cupola.

Conta dalla balaustra
ai piedi della Lanterna,
i luoghi della sua vita
nel paesaggio di strade
e colline.

Chiama al telefono,
allegra, la mamma.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza