Servizi
Contatti

Eventi



Firenze: Festa alla Libreria Salvemini per

“Il profumo dell’iris”

Festa di libri alla Libreria Salvemini, piazza Salvemini – presso l’Arco di San Pierino, a Firenze – lunedì 3 giugno 2019 con l’esposizione nella vetrina e sugli scaffali, delle numerose pubblicazioni dell’autore Roberto Mosi, dalle più lontane nel tempo, “Itinera”, “Non luoghi”, “Aquiloni”, “L’invasione degli storni”, alle più recenti: l’Antologia “Poesie 2009-2016”, “Non attraversare la linea gialla”, Esercizi di volo”, “Eratoterapia”; alle recentissime come “Il profumo dell’iris” e alla “neonata”, con solo due settimane di vita, “Orfeo in Fonte Santa”.

Il libraio Mauro Marrani.

Il poeta Roberto Mosi.

Nella bella sala interna, stracolma di coloratissimi libri, allineati sull’attenti negli scaffali, sono stati proiettati alcuni video trailer preparati dalla mano creativa e tecnologicamente avanzata, del critico d’arte Virginia Bazzechi, riportati tutti, per la gioia dei “libernauti”, nella grande biblioteca virtuale di Youtube:

Questi video fanno parte di altri cinquanta video – relativi a raccolte di poesia, romanzi, mostre di fotografie, interviste – riportate sempre su youtebe, nella playlist “Felicità”: https://www.youtube.com/playlist?list=PLKs0dokJPvpjRmTI67DjY7a_uDzyC9NEF

Playlist “Felicità” di Roberto Mosi.
da sx: mariella Bewttarini, Simonetta Lazzerini Di Florio e Roberto Mosi.

L’evento centrale dell’incontro del 3 giugno alla Libreria Salvemini, ha riguardato la presentazione della raccolta di poesia “Il profumo dell’iris”, Gazebo Libri 2018, dedicata dall’autore, come atto d’amore, alla città dove vive.

Da “L’erta dei Catinai”:
“Dopo l’erta dei Catinai
si apre la vista su Firenze,
città di bellezza elegante
preziosa come il profumo
dell’iris, dal tono austero,
riservato. Si concede solo
a chi la ama, la sa apprezzare.”

Il pittore Enrico Guerrini, autore della copertina, come in tante altre occasioni precedenti a questa iniziativa, ha disegnato, magistralmente, all’impronta, tre immagini ispirate dai versi della Raccolta.

Il pittore Enrico Guerrini.

Virginia Bazzechi.

Virginia Bazzechi ha illustrato il lavoro che compie per la realizzazione dei video trailer, partendo da un’attenta analisi della poesia di Roberto Mosi, che trova piena di immagini e di musicalità: è immediato per lei trovare consonanze nella scelta di immagini fotografiche, di pitture, di brani musicali che formano la trama espositiva dei video. Questo tipo di lavoro presenta un preciso interesse, forma come la scansione di un linguaggio “nuovo” nella interpretazione dei testi poetici.

Ha aperto gli interventi critici, Mariella Bettarini che dirige Gazebo Libri, la casa editrice fiorentina, di antica e prestigiosa storia. Ha ricordato come la visione della città sia scandita secondo la trama delle piazze, le strade, le colline. La raccolta si presenta come un invito a seguire il poeta nella visita di luoghi ben conosciuti, per cogliere con lui una gamma di sensazioni, condividere immagini che emergono dal profondo, ricordi legati alla vita personale. Simonetta Lazzerini di Florio ha letto con profonda partecipazione alcune poesie e ha analizzato con grande sapienza i testi di alcuni componimenti.

Sonia Salsi ha svolto considerazioni su i vari aspetti che dalla raccolta emergono della personalità dell’autore, “poeta, viaggiatore nella città e dentro di sé”. Ha presentato una serie di coordinate per orientarsi nell’opera, da quelle relative ai “luoghi-segno” degli affetti, ai luoghi testimoni della storia, della vita sociale e politica e personale, ai “luoghi-mito”, ai luoghi che risuonano, “in modo proustiano”, di memorie e di emozioni.

Roberto Mosi e Sonia Salsi.

Roberto Mosi e Silvia Ranzi.

Silvia Ranzi, concludendo l’incontro, ha ripreso il suo recente articolo pubblicato sulla rivista “Toscana Nuova” – e riportato da “Literary” – sottolineando come “Il profumo dell’iris” appaia “un itinerario lirico di potente freschezza ideativa e compositiva, in cui l’identità affettiva e leggendaria dei siti rivisitati si propone al lettore secondo un polittico dalle cromie linguistiche distillate dal sentimento e dall’acuta osservazione per una città come Firenze, dall’ineguagliabile ruolo storico e ideale di ambasciatrice di Bellezza nel mondo”.

L’incontro di festa nella bella cornice della Libreria Salvemini di Firenze, si è concluso con un allegro brindisi alla fortuna dei libri di ieri, di oggi e … di domani.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza