Servizi
Contatti

Eventi



La Mostra a “Libri Liberi”
della “Fattoria degli animali”

Mappa sulle attività della Libreria.

Il manifesto della mostra.

Firenze: Libri Liberi.

Il libro do Orwell a cui è dedicata la mostra.

Ha riaperto i battenti in questi giorni dopo il periodo del lockdown, Libri Liberi Officine, in via San Gallo a Firenze. Rinasce da un luogo (la libreria, il suo giardino, il suo teatrino), da un piccolo gruppo di persone (che è diventato un grande gruppo), da un formidabile incrocio di pensieri, curiosità, culture, energie che nei dieci anni trascorsi ha costruito un habitat molto accogliente e libero. Un percorso non previsto e non prevedibile, rintracciabile solo in parte con i propositi di partenza. Un percorso che si è arricchito continuamente degli apporti di tutti quelli che in qualsiasi forma hanno partecipato all’avventura.

Enrico Guarrini, La battaglia della chiusa.

Regole della Fattoria degli animali.

Un formidabile incrocio di pensieri, curiosità, culture, energie che nei dieci anni trascorsi ha costruito un habitat molto accogliente e libero.

Enrico Guarrini davanti al quadro della Battaglia.

Enrico Guerrini, Le mucche della fattoria.

Enrico Guerrini, Napoleone con i cani e la frusta.

Enrico Guerrini, Uomini e maiali.

In occasione del suo 43esimo compleanno, domenica 16 febbraio 2020, alla Libreria Libri Liberi fu aperta la Mostra “La fattoria degli animali” di Enrico Guerrini, iniziativa che si è bloccata per l’epidemia ed ha ripreso vita solo la settimana scorsa.

Dal celebre libro di George Orwell, dove gli animali prendono il potere, Enrico Guerrini prende spunto per rivisitare il testo e costruire la sua fattoria. Alla “Fattoria Guerrini” troveremo gli apparentemente simpatici maialini Napoleon, Palla di Neve (Snowball) e Clarinetto (Squealer), ma anche cani, galline, pecore, cavalli e tanti buffi “amici” del fattore Jones Guerrini. Cosa combineranno? Si ribelleranno all’estro creativo di Jones Guerrini? Finirà che “tutti gli animali sono eguali, ma alcuni animali sono più eguali degli altri”?

La fattoria degli animali (Animal Farm) è, come noto, una novella allegorica di George Orwell pubblicata per la prima volta il 17 agosto1945. Secondo Orwell, il libro riflette sugli eventi che portarono alla Rivoluzione russa e successivamente all'era staliniana dell' Unione sovietica. L'autore, unsocialista democratico[, fu critico nei confronti di Stalin e ostile allo stalinismo, atteggiamento che fu criticamente modellato sulla base delle sue esperienze durante la Guerra civile spagnola. Orwell era convinto che l'Unione sovietica fosse divenuta una dittatura brutale, edificata sul culto della personalità e retta da un regno del terrore. In una lettera a Yvonne Davet, l'autore descrisse La fattoria degli animali come una narrazione satirica contro Stalin; inoltre, nel suo saggio Perché scrivo (1946), scrisse che La fattoria degli animali fu il primo libro in cui lui tentò, con piena consapevolezza di quanto stava facendo, «di fondere scopo politico e scopo artistico in un tutt'uno».

Il libro Sinfonia per San Salvi di Roberto Mosi.

Il giardino all'esterno della libreria.

Roberto Mosi ad un tavolo dipinto da Enrico Guerrini.
Il teatrino del Gallo.

Tavolo dipinto.

Tavolo dipinto col gioco degli scacchi.

La visita alla Mostra “La Fattoria degli animali” potrà essere anche l’occasione per visitare un luogo particolare di Firenze, arricchito dall’arte pittorica di Guerrini, che invade di squillanti colori ogni angolo della Libreria, arredi del bar, i tavolini per la lettura, le pareti dei libri. Un luogo da non perdere andando a zonzo per la città.

Ritratto della Primavera.

Alla Libreria Libri Liberi la possibilità d’incontrare anche il libro di Roberto MosiSinfonia per San Salvi”, (ed. Il Foglio) l’ex manicomio di Firenze, componimento evocato dal recente video “Una rosa rossa …” (indirizzo: https://www.youtube.com/watch?v=GRnB9a3qF-k ).

Una rosa rossa da “Sinfonia per l'ex Manicomio di San Salvi” di Firenze (da YouTube.com)
articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza