Servizi
Contatti

Eventi



Gruppo Scrittori Firenze presenta
lo scrittore Nicola Ronchi

Il 23 marzo 2016 alle ore 18 presso la Libreria Ibs di via Cerretani a Firenze, il Gruppo Scrittori Firenze GSF ha presentato un suo autore, Lo scrittore Nicola Ronchi. Le presentazioni in libreria del Gruppo Scrittori Firenze hanno l’intento di approfondire, da parte degli autori stessi, un aspetto letterario che si ritrova nei loro testi.

Nicola Ronchi ha approfondito il seguente argomento: “Le differenze e i punti in comune fra la narrativa per adulti e quella per ragazzi”, portandoci dentro il percorso di formazione che lo ha portato a essere scrittore, ha analizzato le differenze necessarie a che sia il ritmo, che la struttura, che la psicologia dei personaggi, per non parlare della specificità dei linguaggi, seguano un percorso proprio e autentico in entrambi i casi, con l’obbiettivo comune di accompagnare il lettore di ogni età in un percorso che deve diventare di approfondimento interiore e personale. Nicola ha poi certamente saputo trasmetterci la passione di cui deve vivere uno scrittore che vuole fare arte e la sua esperienza nel mondo della parola che lo vede, oggi, figura importante anche del panorama dell’editoria.

Nicola Ronchi e Chiara Novelli nel corso della presentazione.

I libri presentati da Nicola Ronchi, sono stati il suo ultimo romanzo: “Il giuramento di Ippocrate” Porto Seguro Editore e, per la narrativa rivolta ai ragazzi: “C’era una volta… la Strafamiglia” Giampiero Pagnini Editore.

Ho introdotto la serata Chiara Novelli.

Conosciamo meglio Nicola Ronchi. Nicola nasce a Firenze il 4 agosto del 1971. Fin da piccolo mostra interesse per la musica, la creatività e la fantasia. A dieci anni gli regalano una chitarra ed è amore a prima vista. A sedici anni inizia a scrivere alcune canzoni, più che altro piccole storie di vita adolescenziale, passione che coltiva fino a quando, insieme a un amico, forma una cover band di Simon and Garfunkel. Il duo, ribattezzato “Nikon and Giuliankel”, si esibisce in diversi locali della città e limitrofi, venendo spesso contattato per matrimoni e serate di festa.

La passione di raccontare storie comunque non si è mai sopita, ma solo verso i trentacinque anni decide di lanciarsi in una forma d’arte completamente nuova: la regia. Gira così il suo primo cortometraggio, basato su una storia horror scritta da lui stesso. In seguito, avrà all’attivo quattro corti.

Ma la passione (parola ricorrente e suo vero punto di riferimento) di scrivere non si placa. Ecco quindi che nel giro di quattro anni, dal 2010 al 2013, si manifesta in lui il periodo più prolifico e più creativo: sceneggiature, romanzi, racconti, storie per bambini… Sembra che ogni genere letterario sia fonte costante di ispirazione.

Il suo primo romanzo “Io Federico, io Debora” è stato presentato su TVL, nel dicembre 2010, durante la trasmissione “Senza chiedere permesso”; nel maggio seguente il libro è stato riproposto, in una serata a lui dedicata presso lo storico locale pistoiese “Orange Jazz Club”, riscuotendo un notevole successo.

Nicola Ronchi presentato alla televisione toscana TVL nel dicembre 2010.

Per quanto riguarda la letteratura per ragazzi, ha intrapreso un percorso con due scuole elementari di Firenze, la “Vittorino da Feltre” e la “Villani”, lavorando sull’analisi di un suo libro, “C’era una volta la Strafamiglia” (Pagnini Editore), progetto che si è finalizzato in entrambi i casi con l’incontro autore/alunni, incentrato sulla discussione dei personaggi e le curiosità che hanno legato lo scrittore alla creazione della favola.

Nel giugno 2013, con la scuola “Villani”, ha contribuito alla realizzazione della recita di fine anno della classe III B, tratta dal suo “Color of Sisters”, in cui lui stesso è sceneggiatore e regista.

Nel dicembre 2013 ha proseguito il percorso informativo scolastico con il doppio incontro alla scuola Marconi di Grassina (Firenze): classi quarte e terze. A oggi, gli appuntamenti con gli istituti fiorentini si ripetono ciclicamente di anno in anno e la Strafamiglia è diventata ormai un vero e proprio cult fra alunni e insegnanti.

L’amica”, il suo primo romanzo di genere thriller psicologico, è stato pubblicato da Porto Seguro nel marzo 2014, mentre nel novembre dello stesso anno ha inaugurato con Pagnini Editore una collana per bambini dal titolo: “Raccontami una storia”, di cui ne è il direttore.

Il 6 dicembre 2014 esce il nuovo psico mistery “Il segreto di Elena”, sempre con etichetta PSE e l’anno seguente, a ottobre, presenta il terzo romanzo di genere: “Il giuramento di Ippocrate”.
Da poco ha ideato e creato il blog letterario “lagiostradelleparole.wordpress.com che gestisce insieme ad amici e appassionati. Nel 2016, lo vediamo socio ed editor della Porto Seguro Editore.

Nicola Ronchi.

Veduta d'assieme della sala.

Per continuare a conoscere il nostro autore, vi condividiamo una breve trama de“Il giuramento di Ippocrate”:

Cosa vuol dire vivere un incubo? Quali insinuazioni possono arrivare a sconvolgere l’esistenza di un individuo fino a portarlo sull’orlo del suicidio? Dubbi… Si insediano all’interno della mente e stazionano come un cancro che a poco a poco rosicchia l’intero sistema nervoso, rendendolo inerme. Due storie inquietanti, vissute a migliaia di chilometri l’una dall’altra ma molto, anzi troppo, simili fra loro. Due persone all’apparenza quiete e metodiche ma diverse per abitudini, ceto sociale, sesso. E con il morbo del dubbio che non lascia scampo. In tutto questo, nascosto nell’ombra, qualcuno osserva i soggetti, riconosce i sintomi e sa come farli sparire. Per sempre. Sì, perché lui è il Medico e loro i Pazienti che dovranno essere sottoposti alla sua personalissima Cura…

Per quanto riguarda la narrativa per ragazzi, ricordo che con “La strafamiglia” viene inaugurata la collana per bambini di Pagnini Editore, dal titolo: Raccontami una storia, di cui Nicola Ronchi viene nominato direttore di collana.

Il primo volume è, appunto, “C’era una volta… la Strafamiglia”:

Il volume raccoglie tutte, ma proprio tutte le avventure dei nostri amici un po’ particolari, un po’ pazzi, un po’… strani! Pier, Amelia, Julia, Schizzo, Annabella, Barone, insieme a nuovi ed esilaranti personaggi vi aspettano, sempre in guardia però dalle malefatte dei due terribili farabutti Jack Capello e Occhio di Lince. Chi li conosce sa già di chi stiamo parlando…

La serata si è conclusa con le tante domande del pubblico intervenuto.

Fotografo ufficiale della serata lo scrittore/fotografo del Gruppo Scrittori Firenze, Gianni L’Abbate, autore del logo del GSF.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2023 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza