Servizi
Contatti

Eventi



3.32
L'Aquila

di

Paolo Mastri

Scrivere dell'Abruzzo. Solidarietà e dimenticanza
Venerdì 4 settembre 2009

Nell’ambito della Rassegna internazionale “Casa dei pensieri”, che si è tenuta a Bologna, presso il Palacuore, Parco Nord, dal 28 agosto al 21 settembre 2009, con la partecipazione di prestigiose presenze del mondo della musica, del teatro, delle riviste letterarie e della politica, la serata di venerdì 4 Settembre 2009 ha previsto l’iniziativa intitolata “Scrivere dell’Abruzzo. Solidarietà e dimenticanza”. Un momento dedicato alla regione duramente colpita dal funesto sisma, in cui lo scrittore e giornalista professionista Paolo Mastri, capo della redazione di Pescara de Il Messaggero, ha presentato il libro 3.32 L'AQUILA gli allarmi inascoltati, prefazione di Concita De Gregorio, Edizioni Tracce 2009, Collana Fondazione “PescarAbruzzo Orizzonti”. È un libro di estrema attualità e lucidità nella lettura dei tragici avvenimenti del terremoto in Abruzzo.

Veduta dell'interno del “Palacuore” di Bologna,

Al dialogo con l’autore, presieduto da Edgarda Degli Esposti, è intervenuta la deputata Pina Fasciani. Ha fatto seguito all’incontro il “Recital per l’Abruzzo”, a cui hanno preso parte, fra gli altri poeti, Nicoletta Di Gregorio e Daniela Quieti

Interno ed esterno del “Palacuore” di Bologna,

Dalla quarta di copertina:

“… Chissà se saranno i nostri figli o i nostri nipoti, chissà se riusciremo nel volgere di brevi anni a seminare quel che serve a far germogliare di nuovo la sapienza e il coraggio dei padri e dei nonni, di quelli che hanno fatto grande l’Italia prima che l’egoismo e il criminale calcolo del privato profitto dei nipoti la riducesse in polvere. Chissà se un terremoto come quello che abbiamo patito sulla carne basterà a risvegliarci. Bisogna provare. Bisogna sperare. Bisogna in primo luogo dirsi tutto…
Non ci sarà redenzione senza verità. Da lì si riparte e si ricostruisce: il lutto porti con sé almeno questo, insieme al dolore la rabbia e il desiderio di giustizia, la speranza che non succeda mai più. È nelle nostre mani, nelle vostre: fare in modo che non succeda mai più.”

I ricavi delle vendite del libro vengono devoluti alla ricostruzione della città dell'Aquila.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza