Servizi
Contatti

Eventi



Convegno
Economia, Ambiente,
Bene Comune

a Foligno

Sabato 12 gennaio 2013, presso la Sala Conferenze di Palazzo Trinci a Foligno, nell’ambito della terza edizione della Universal Round Table Conference - Un evento italiano per i giovani, si è tenuto il Convegno sul tema “Economia, Ambiente, Bene Comune” promosso con grande capacità organizzativa da “Vado” Associazione Culturale e dal suo presidente il dott. Donato Vallescura. L’iniziativa si è caratterizzata per la particolare sensibilità a uno sviluppo sostenibile e attento ai bisogni delle generazioni attuali e future. “Vado” persegue infatti la costruzione di una società migliore, favorendo la crescita culturale e umana dei giovani e il loro coinvolgimento nei processi decisionali del Paese.

Il Convegno, ospitato dal Kiwanis Club AssisiPax et Libertas” con i patrocini di: Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Comune di Foligno, Kiwanis Club Perugia, Kiwanis Club Pescara, Kiwanis Club Roma Caput Mundi III Millennio e Kiwanis Club San Marino, ha visto la numerosa presenza di autorità, prestigiosi relatori e, soprattutto, di tanti studenti delle scuole superiori di Foligno e Assisi.

Dopo l’apertura dei lavori da parte della dott. Angela Catalano, Chairwoman e Past President del Kiwanis Club Pescara con gli onori alle bandiere sulle note degli inni di Mameli e d’Europa, sono intervenuti con gli indirizzi di saluto il cav. rag. Vittorio Pulcinelli, coordinatore del Kiwanis Club Assisi, e l'avv. Massimiliano Romagnoli, vice sindaco del Comune di Foligno.

da sx: Angela Catalano, Daniela Quieti, Pierluigi Maria Grasselli, Mons. Giuseppe Chiaretti e Cristina Montesi.
Intervento di apertura del convegno della dott. Angela Catalano.

Il prof. Pierluigi Maria Grasselli, noto economista ordinario dell’Università di Perugia e coordinatore del Convegno, nella sua relazione introduttiva ha sottolineato come la questione ecologica, divenuta sempre più drammatica, sia riconducibile all’orientamento scientifico e tecnologico proteso al dominio della natura ormai desacralizzata, all’antropocentrismo e a una crescita storica ed economica concepita illimitatamente solo in termini quantitativi. Il prof. Grasselli ha auspicato un approccio multidisciplinare ai problemi ambientali individuali e collettivi, guidati da valori etici e responsabili.

Avv. Massimiliano Romagnoli. Cav. Vittorio Pulcinelli. Prof. Pierluigi Grasselli.

Gli allievi del Liceo Classico “Sesto Properzio” di Assisi hanno relazionato su ”Ecologia nel pensiero della letteratura classica: sua validità e attualità”, attraverso un approfondito excursus sull’idea di natura nell’antichità classica, mentre quelli del Corso Chimico-Biologico dell’Istituto Superiore Orfini di Foligno hanno evidenziato i “Dilemmi ambientali con le problematicità e le possibili soluzioni”, portando anche testimonianze filmate di sperimentazioni eseguite nei propri laboratori. Erano presenti con attenta partecipazione gli studenti dell'Istituto Alberghiero di Spoleto, dirigenti scolastici e docenti.

Daniela Quieti durante il suo intervento.

Dopo il contributo dei ragazzi, la prof. Daniela Quieti ha affrontato l’argomento ambientale sia dal punto di vista scientifico sia da quello morale, filosofico e letterario, rilevando la necessità di ammettere la nostra finitezza rispetto all’universo, di re-incantarci di fronte alle meraviglie del creato, di riconoscere i doni gratuiti della natura. La soluzione al tutto – ha aggiunto la Quieti – può trovarsi nella riscoperta della sacralità dell’esistente dentro il processo naturale sottolineando la poetica ecologica nel pensiero francescano. Ha ribadito altresì i concetti di umanesimo e di fratellanza universale.

 
  L'intervento di Daniela Quieti.  

Mons. Giuseppe Chiaretti ha riepilogato le più urgenti questioni ambientali a dimostrazione che la natura più che a un rispetto devoto è ormai condannata al saccheggio indiscriminato, pur essendoci stata data in prestito e non in proprietà da Dio. Ha ricordato poi gli elementi ecologici presenti nella spiritualità e nell’azione di tanti mistici umbri (S. Benedetto, S. Francesco), nonché l’azione liturgica e l’elaborazione dottrinale della Chiesa in campo ambientale sviluppata in varie Encicliche

Ha infine richiamato la sensibilità e la modernità di alcuni politici del passato, quali De Gasperi ed Einaudi, i quali hanno precorso la nozione di sviluppo sostenibile. La soluzione ai dilemmi è nell’ecologia valoriale improntata al rispetto, alla custodia e all’amore per l’ambiente.

 
L'intervento di Mons. Giuseppe Chiaretti.  
 
  L'intervento della prof. Cristina Montesi.

La prof. Cristina Montesi della Facoltà di Economia di Perugia ha spiegato quali sono state le questioni che da sempre hanno creato difficoltà nella teoria economica basata sul paradigma antropologico dell’homo oeconomicus che, in quanto agente individualista, spinge la sua azione verso il degrado irreversibile delle risorse di habitat naturali. Uno sviluppo sostenibile sembra la soluzione più saggia da perseguire. Va anche propugnata una nuova concezione transdisciplinare di scienza economica attraverso la contaminazione dell’economia tradizionale da parte delle scienze naturali, umane e sociali.

Il dr. Angelo Ottaviani ha curato la realizzazione e la diffusione dei servizi multimediali.

Il Convegno ha raggiunto pienamente gli obiettivi prefissati, nel segno di una forte valenza sociale, culturale ed etica, come nelle finalità kiwaniane, tese al nobile scopo della tutela dell’infanzia anche attraverso quella dell’ambiente.

Veduta parziale Sala Convegno.
articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza