Servizi
Contatti

Eventi



Premio Internazionale
Città di Penne 2011

Il Premio Internazionale Città di Penne - Mosca è un evento letterario di prestigio curato dal prof. Igino Creati, Segretario Generale, che da sempre promuove un’elevata formazione e crescita culturale attraverso la lettura e l’incontro di grandi intellettuali e scrittori per la cittadinanza e soprattutto per le giovani generazioni.

La manifestazione gode del Premio di Rappresentanza della Presidenza della Repubblica Italiana, con l’Alto Patronato del Ministero della Cultura della Federazione Russa, e i patrocini della Casa Centrale degli Scrittori di Mosca, della Presidenza del Consiglio Regionale d’Abruzzo e dell’Università della Pace della Svizzera Italiana.

Sabato 26 novembre 2011, a Penne (Pescara), presso la Sala Consiliare del Comune, si è tenuta la cerimonia di proclamazione e premiazione dei vincitori assoluti del Concorso letterario del “Città di Penne-Mosca”, alla presenza di numerose autorità e di una folta cittadinanza, confermando così il successo e il prestigio intellettuale fortemente consolidatisi nella tradizione locale oltre che cosmopolita.

da sx: il Sindaco di Penne Rocco D'Alfonso, il Ministro Evghenij Sidorov, il prof. Igino Creati, il vincitore per la narrativa Pavel Sanaev, l’Assessore Luigi De Faniis e l’interprete.

La folta delegazione russa, guidata da Evghenij Sidorov, ministro della Cultura nella Federazione russa dal 1992 al 1997, ha espresso ampio compiacimento per lo svolgimento dell’evento che si è tenuto a una settimana di distanza da quello gemellato moscovita.

Alla manifestazione vestina hanno partecipato Galina Maximova, direttrice della Casa Centrale degli Scrittori di Mosca e il Console onorario della Federazione Russa ad Ancona Armando Ginesi. Sono intervenuti numerosi esponenti delle istituzioni civili e militari, fra i quali il Prefetto di Pescara Vincenzo D'Antuono, l'Assessore alla Cultura della Regione Abruzzo Luigi De Faniis, il Sindaco di Penne Rocco D'Alfonso, il Sindaco di Lanciano Mario Pupillo, la Presidente Regionale dell'Unicef Anna Maria Monti, il Presidente dell'Università della Pace della Svizzera Italiana di Lugano Valerio Giovanni Ruberto, insieme ai ragguardevoli membri della giuria tecnica e al rappresentante della Brioni.

Pavel Sanaev con Seppellitemi dietro il battiscopa (Nottetempo) ha vinto l'edizione 2011 del premio letterario internazionale di narrativa Città di Penne-Mosca. L’autore russo si è imposto su Valeria Montaldi con La ribelle (Rizzoli) e Maria Pia Ammirati con Se tu fossi qui (Cairo).

A decretare il risultato è stata la giuria popolare composta dai cittadini di Penne e Lanciano e dagli studenti dell'Università di Bratislava e dell'Università della Pace della Svizzera Italiana. A Valeria Tomassini per Sangue di cane (Laurana) è andato il Premio Opera Prima - Brioni e a Domenico Gambi il Premio Speciale della Giuria Tecnica per Aspettando le luci dell’alba (Tracce).

Daniela Quieti premiata da Igino Creati

Franco Buffoni con il libro Roma (Guanda) si è aggiudicato poi il premio nazionale di poesia edita Città di Penne-Fondazione Piazzolla. Lo ha deciso la stessa Fondazione presieduta dal prof. Vincenzo Cappelletti che ha selezionato anche Silvia Pascal per l'opera prima Versi anatomici (Damocle) e Daniela Quieti per L’ultima fuga (Tracce) alla quale è andato il Premio Speciale della Giuria Tecnica con la seguente motivazione: “Con il libro L’ultima fuga (Tracce) prefato da Márcia Theóphilo, Daniela Quieti compie ulteriori progressi nella selezione del verso e della parola, rispetto alle opere precedenti, che pur segnalavano il talento della poetessa. La linea sentimentale che è alla base delle varie composizioni, ha infatti più densità evocativa ed espressiva. Il flusso dei pensieri riempie lontananze e vicinanze in un sottile ricamo lirico”.

Nella sezione letteratura per l’infanzia e l’adolescenza, la giuria popolare formata da alunni di quinta elementare ha designato vincitore Aquilino Salvadore con Orrendi per sempre (Giunti Junior), privilegiandolo a Francesca Capelli con L’estate che uno diventa grande (Zonafranca).

Fra i cinque autori finalisti per la poesia inedita nella sezione dedicata ad Alessio Di Simone, lo studente universitario pennese deceduto sotto le macerie della Casa dello Studente durante il funesto terremoto aquilano del 2009, la giuria popolare ha assegnato la vittoria ad Anna Di Giorgio su Luciano De Angelis, Carmelo Consoli, Nicoletta Di Gregorio e Daniela Basti.

Daniela Quieti riceve in Premio La Presentosa, gioiello tipico dell'antica tradizione orafa abruzzese.

Il Premio Letterario Internazionale Città di Penne - Mosca ha dimostrato, ancora una volta, tutto lo spessore dell'impegno del Comitato Organizzatore e del Segretario Generale Igino Creati, in crescente sinergia socio-culturale con un territorio d'arte e di saperi.


articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza