Servizi
Contatti

Eventi



7a Festa della Racchetta
Sport & Cultura a Villa Incantata

Sabato 31 agosto 2013, nel suggestivo scenario di Villa Incantata, la dott. Roberta Testa, splendida padrona di casa, da vera mecenate ha organizzato la 7a Festa della Racchetta che coniuga Sport & Cultura nella seducente ambientazione della sua elegante dimora.

Tra statue che sembravano vivificarsi in attraenti sfondi del giardino, autorità, poeti, tennisti, artisti, amici e aristocratici hanno condiviso il fascino di questo bellissimo appuntamento di fine estate, nel quale vengono dedicati significativi momenti alla poesia e al tennis, seguiti dalla consegna di premi agli sportivi e agli autori.

Quest’anno il coinvolgimento emozionale ispirato dall’Inno a Venere dal De rerum natura di Lucrezio ha rapito tutti gli invitati, straordinariamente collocati ai tavoli in una disposizione planetaria, e la forza rigeneratrice della Natura, compendiata nel Mito della Dea dell’Amore, si è simbolicamente unita all’amore per il tennis.

da sx: Carlo Lizza, Daniela Quieti, Nicoletta Di Gregorio, Magda Seta, S.E. Dott. Vincenzo D’Antuono, Roberta Testa e Tina Troiano.
Roberta Testa e S.E. Dott. Vincenzo D’Antuono.

Carlo Lizza e Roberta Testa.

Sotto un cielo stellato di fine agosto, Roberta Testa ha festeggiato così le sue passioni, la poesia e il tennis, perché entrambe le discipline, a suo giudizio, posseggono una componente emotiva e una razionale: nel tennis l’intelletto spinge il braccio a piazzare la palla in modo vincente e questo, se accade, provoca intense emozioni; nella poesia la componente emotiva è musa ispiratrice del verso, che richiede un’elaborazione mentale al fine di ripercorrere il sentiero emotivo.

In questa edizione della Festa della Racchetta l’angolo della poesia è stato dedicato al ricordo dello scomparso Prof. Igino Creati, indimenticato amico e grande operatore culturale. Lo scorso anno il compianto Igino aveva interpretato in modo sublime La pioggia nel pineto di Gabriele D’Annunzio.

Roberta Testa.

Daniela Quieti.

I poeti Nicoletta Di Gregorio, Carlo Lizza, Daniela Quieti, Magda Seta e Tina Troiano hanno declamato rispettivamente due poesie del Prof. Creati, chiudendo a turno con splendidi versi e concetti filosofico - poetici di Lucrezio.

Il momemto del'Inno di Mameli e del taglio della torta.

La torta a forma di campo da Tennis.

L’artista prof. Paolo De Pamphilis ha realizzato opere in maiolica sulle quali, all’interno del libro dipinto a sinistra, è impressa una splendida frase dell’Inno a Venere: “… e perché tu sei la sola a governare la Natura, e senza di te, nulla sorge alle spiagge divine della luce, nulla avviene di lieto ed amabile, desidero averti come compagna per scrivere i miei versi che tento di comporre sulla Natura…”, frase che la Testa dedica alla sua “amatissima racchetta” posta alla destra del libro.

Momenti della serata a Villa Incantata.

Queste maioliche, come di consueto, sono state donate una da Roberta Testa a S.E. il Prefetto di Pescara dott. Vincenzo D’Antuono, la cui presenza ha dato gradito lustro all’evento, e le altre dallo stesso ai poeti nel corso della premiazione.

La festa si è conclusa con il taglio della torta, sempre a forma di un bel campo da Tennis, preceduta dall’Inno di Mameli cantato da tutti i convitati.

Momenti della serata a Villa Incantata.
Momenti della serata a Villa Incantata.

Roberta Testa, laureata in medicina e chirurgia, specializzata in dermatologia e venereologia presso l’Università di Chieti, ha conseguito diversi attestati di medicina estetica e chirurgia estetica ambulatoriale presso il Centro Internazionale della Medicina Integrata di Bologna. Svolge attività di medico presso il Presidio Sanitario di Pianella e di medico dermatologo presso i suoi tre studi a Penne, Moscufo e Pescara. Ha studiato pianoforte per dieci anni esibendosi in vari concerti di musica classica e vincendo un concorso per pianisti a Osimo. Ama il tennis, la musica jazz e i libri, le cui pagine sono paragonate dalla stessa all’intera esistenza dell’uomo. Figlia di un noto medico umanista anch’egli appassionato di tennis, e di una madre insegnante, Roberta è una sensibile conoscitrice dell’animo umano. Amante dell’arte e della letteratura antica e moderna, è una grande sostenitrice della cultura e dello sport che, con intensa partecipazione, promuove e congiunge in un binomio capace di aggregare con originalità famosi personaggi e iniziative culturali d’eccellenza.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza