Servizi
Contatti

Eventi


Lino Carraretto
il pittore veneto che ama l’Europa

Lino Carraretto, “Sogno veneziano” olio su tela.

Nato nel ‘47 nel trevigiano, a Casale sul Sile, non era ancora trentenne quando “quasi per caso”, così come riportato in biografia, la sua dedizione pittorica ebbe incigno.

In lui, da studente, eppure, era già percepibile la passione artistica, quando elaborava con destrezza disegni e acquarelli.

L’evoluzione ideologica, data da una pulsione di esteticità da riportare sulle tele, l’avrebbe accompagnato a una soave iconografia dal sapore impressionistico.

Come negli impressionisti storici, infatti, essere autodidatta ne fomenta la vivacità e, dopo un periodo “en plein air”, si attesterà con lavori in studio, adottando l’olio ma mai tradire l’acquerello.

Fu, tuttavia, quel primo periodo, agli inizi degli anni Ottanta, a donargli una rapida notorietà, oltremodo a seguito delle opere esposte nel Teatro Accademico di Castelfranco Veneto; l’abbrivo, questo, che lo muove a percorrere tra il plauso gallerie e siti nazionali.

Oggi è conosciuto in mappa europea, il cui itinerario s’articola dal 1991 essenzialmente attraverso il Belgio, la Svizzera, Francia, Germania e l’Olanda; l’artista veneto che estende l’abbraccio della bellezza in l’Europa.

Le sue terre d’origine, tuttavia, e non poteva essere altrimenti, rimangono quale caposaldo nella memoria e che lo accompagnano a imprimere nelle tele quelle fumose connotazioni così amate e ricercate dai fruitori.

Manifestazioni oniriche che l’autore, nel raccoglierle questa volta nel recente catalogo “Venezie, sull’orme di Hemingway”, pare rilanciarle dal proprio estro, dal proprio animo indiscutibilmente raffinate.

Il Nostro, viepiù, ama incamminarsi verso il sud del nostro stivale e le sue orme si ritrovano in quel di Pescara, L’Aquila e nel chietino, sino a toccare Nardò in Puglia.

Qui, come in Europa, il suo connaturato tecnicismo veneto si confronta con la luce, i paesaggi naturali, il calore delle case, peculiarità che si svelano al fruitore ove si soffermi a scorrerne le opere nei segmenti più reconditi.

rubrica


Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza