Servizi
Contatti

Eventi


Intervista a Giuseppe Ruggeri

Giuseppe Ruggeri è medico-scrittore siciliano, vicepresidente nazionale dell’Associazione dei Medici Scrittori Italiani e direttore responsabile del periodico associativo “La serpe”, noto come giornalista pubblicista, scrittore e saggista. Ci soffermiamo proprio sui suoi ultimi libri, Sicilieide e Incontri in Sicilia.

Ascoltiamo la viva voce di Ruggeri, attraverso le risposte ad alcune domande su questi due suoi recenti capolavori.

Dai suoi testi emerge una Sicilia “teatro di memorie”, parte avulsa e al tempo stesso fortemente integrante del resto dell’Italia nonché luogo di luci e ombre, di contrasti e contraddizioni. Cosa, nella sua formazione culturale, ha significato l’incontro con scrittori come Leonardo Sciascia, Gesualdo Bufalino, Vincenzo Consolo?

“Teatro di memorie, in effetti, definiva Leonardo Sciascia la Sicilia, a significare la sua ancestrale tendenza a far risaltare, sotto la filigrana del presente, il ricordo delle vicende che hanno avuto la Sicilia come palcoscenico, quella grande anzi grandissima stratificazione storica che ne costituisce il peso specifico. E questa è la principale delle contraddizioni sulle quali si fonda il giudizio che, dall’esterno, si ha della Sicilia. Il passato come passe-partout per il presente, la rappresentazione scenica in luogo dello svolgimento reale, così come ci ha insegnato Luigi Pirandello. Sciascia, come pure Bufalino e Consolo, sono solo alcuni dei protagonisti di questa rappresentazione alcune volte viva e cangiante, altre volte misteriosa e crepuscolare. Ciascuno di loro non fa che interpretare un ruolo in cui riversa la propria tematica personale senza tuttavia mai deragliare dall’immenso contenitore di spunti ispirativi che è la Sicilia. Il mio incontro con questi autori ha contribuito non poco alla maturazione del mio senso d’appartenenza a una terra che oggi respiro meglio rispetto a prima, senza ancora avere, naturalmente, la pretesa di capirla del tutto”.

Lei scrive che in Sicilia “ogni utopia ha tutte le carte in regola per diventare realtà”. Parafrasando Jorge Luis Borges, secondo il quale “la letteratura è la più reale delle finzioni”, può secondo lei la Sicilia essere assunta a paradigma di una scrittura che tanto più si allontana dalla cosiddetta realtà apparente quanto più aderisce alla realtà vera?

“La Sicilia vive di utopie, di sospensioni spazio-temporali che ne costituiscono la cifra più segreta e oscura. Utopie sono il fenomeno della fata morgana, i folletti e gli elfi che popolano le notti errabonde di Casimiro Piccolo, l’irreale Mineo di Giuseppe Bonaviri che vi trasfonde tutto il suo naturalismo magico. In questo senso dico che in Sicilia ogni utopia è in fondo un aspetto della realtà vissuto con una lente diversa che ne fa intravedere lati imprevedibili, sfaccettature che mai avresti immaginato. Potrebbe essere forse questo uno dei motivi per i quali gli scrittori siciliani, se non lo fanno con le loro trame, si allontanano dalla realtà con la scrittura che diventa altisonante e gongoriana, in una parola barocca, in autori come Bufalino, soprattutto, ma anche Brancati, Vitarelli e altri ancora”.

L’impegno civile è la cifra che accomuna la maggior parte degli scrittori siciliani di cui lei si è occupato nei suoi saggi. Un impegno che non può essere in alcun modo disgiunto da quella peculiare ricerca identitaria dalla quale discende il senso d’appartenenza necessario a tracciare un cammino condiviso, un’evoluzione in termini di progresso civile. È d’accordo?

“La ricerca identitaria è un percorso obbligato per quanti vogliano scoprire, anzi riscoprire le proprie radici. In tale direzione viaggia l’impegno civile degli scrittori siciliani, nessuno dei quali per istinto, passione, nostalgia o non so più cos’altro, riesce mai a sdoganarsi dal profondo attaccamento alla propria origine. Il senso d’appartenenza è l’effetto naturale di questo radicamento in cui ogni siciliano ha ritratto se stesso, un po’ come avviene nel Ritratto d’ignoto di Antonello da Messina che ormai costituisce una sorta di simbolo delle somiglianze. Tutti i siciliani si somigliano e per questo il loro è un cammino, come dice lei, condiviso, un’evoluzione civile in pieno senso”.

Un’ultima annotazione riguarda la parte narrativa o, per meglio dire, inventiva di queste due pubblicazioni. In appendice a entrambe, lei inserisce un suo contributo personale, un diario di viaggio in Sicilieide e un poemetto in Incontri in Sicilia. Una scelta precisa o cos’altro?

“Una scelta precisa, certo. La verità è che, non essendo io un saggista puro, il mio tentativo di scrittura finisce per approdare spesso e volentieri nell’invenzione, o meglio in una trasfigurazione della realtà in base alle mie tematiche interiori, che sono poi quelle del siciliano: il gusto dell’ossimoro, il piacere delle tinte forti, dei sentimenti passionali, la consapevolezza dell’inevitabile decadere della vita nella morte. Sicilieide e L’isola senza confini sono, in definitiva, due distinti diari di viaggio, il primo in prosa e il secondo in versi, che concludono la celebrazione di questo fantastico mondo di castelli di carta che, diversamente e a più riprese, s’assemblano per fingere la realtà che prende il nome di Sicilia”.

Concludiamo con un sentito grazie all’autore, augurandogli un buon viaggio in questa ricerca che rappresenta l’infinita inquietudine di ogni individuo mentre indaga sul senso della sua vita, del suo esserci oggi in un ambiente e contesto umano e sociale in cui non sempre è facile ritrovarsi.
rubrica


Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza