Servizi
Contatti

Eventi


Zaffiri e mille misteri da svelare

Lello Spinelli
in: Sera Zip
7-8 gennaio 2006

Gabriele Zaffiri, originario di Ortona ma residente a Spoleto, è uno dei maggiori esperti di storia delle antiche civiltà, di archeologia ed etnologia. Profondo studioso e ricercatore di Storia occulta, collabora con riviste internazionali del settore.

Com'è nato il suo interesse per gli studi scientifici inerenti l'archeologia misteriosofica e la ricerca storica sulle attività d'intelligence dei maggiori servizi segreti che, nel corso del secolo precedente, hanno condizionato da "dietro le quinte" l'assetto socio-politico internazionale?

Il mio interesse per gli studi misterici-esoterici sulla ricerca archeologica e storica, sull'attività d'intelligence del XX secolo è nato soprattutto dalla passione sui vari enigmi che hanno accompagnato e che accompagnano tuttora il cammino dell'evoluzione dell'uomo, dal mio interesse fin da tenera età. Infatti mi tornano in mente che negli anni settanta e ottanta ero già un vorace lettore di riviste storiche come Storia illustrata, e di riviste con tematiche misteriosofiche come Il giornale dei Misteri; intervallato nel febbraio del 1982 con un diploma di enigmistica scelto e seguito, subito dopo, con il servizio militare nel campo trasmissioni dell'Esercito Italiano. Poi, sempre negli anni ottanta, compiendo ricerche presso varie biblioteche sono stato ospite presso alcune basi delle Forze Armate italiane, come Vigna di Vàlle nel Lazio dove sorge il museo storico dell'Aeronautica militare italiana.

Lei è indubbiamente uno dei più autorevoli esperti in materia, saggista e scrittore tra i più prolifici. I temi trattati in questi ultimi anni con ineccepibile serietà e obiettività sulla base di fonti storico documentali spesso inedite, spaziano dalle principali operazioni segrete del Terzo Reich e dell'accademia scientifica delle SS, ai temi più scottanti della ricerca militare sperimentale nell'ex Unione Sovietica, agli affascinanti misteri ancora irrisolti di antiche civiltà scomparse, come Atlantide, sino ai segreti del Graal e all'ipotesi di vita extraterrestre. Possiamo, quindi, parlare di una vera e propria "storia occulta" che traccia il cammino dell'uomo, e quanto c'è ancora da conoscere sul mistero uomo, questo sconosciuto?

Possiamo senz'altro parlare di storia occulta dell'uomo, anzi potremmo definirla "storia parallela ed esoterica", in quanto ci sono avvenimenti non portati alla ribalta dell'opinione pubblica che rimangono per forza di cose, volenti o nolenti, coperti dal classico top-secret. Possiamo aggiungere che grazie ad alcuni studiosi, come me, che compiono una meticolosa e certosina ricerca, non soffermandosi solo all'apparenza degli avvenimenti, si aiuta a far luce su alcuni fatti tenuti ancora segreti e fortemente avvolti nel mito e nella leggenda.

Per la Edaat Framar Editrice La Gaia Scienza ha pubblicato: un testo singolare, “Telecomando di esseri umani nell'ex Urss”, in cui spiega su materiale d'intelligence non a tutti noto, quanto dietro la "cortina di ferro" sia stato compiuto sulle frontiere della ricerca scientifica e parapsicologica militare per manipolare la mente umana, per il conseguimento di determinati obiettivi di strategia politica. Ritiene si possa davvero "addestrare" la mente dell'uomo per costringerlo ad uccidere a distanza, o addirittura a scatenare una guerra atomica, batteriologica o altro?

Proprio con il libro “Telecomando di esseri umani nell'ex Urss” ho evidenziato gli sforzi dell'ex regime comunista nello stimolare gli studiosi sovietici nella ricerca quasi spasmodica per manipolare e quindi controllare la mente umana per fini di strategia politica per il successivo passo che risulta essere il controllo totale dell'uomo. Esperimenti che potevano portare a costringere ad uccidere a distanza tramite messaggi subliminali, anche per telefono, e per mezzo di strane apparecchiature, oltre che con speciali onde elettromagnetiche utilizzando una comunissima radio.

Sappiamo che un'altra opera di estremo interesse sta prossimamente per essere data alle stampe, sempre per la Edaat Framar Editrice La Gaia Scienza: “Alla ricerca della mitica Thule”, in cui si parla delle spedizioni ed esplorazioni naziste nel mondo, dalle ricerche archeologiche delle SS-Ahnenerbe alle esplorazioni artiche e antartiche alla scoperta del mitico regno sotterraneo di Agharti, culla di ogni civiltà secondo certe tradizioni... Secondo i suoi studi, il tutto resta leggenda, o potrebbe essere realtà il mitico Regno del Prete Gianni, un altro mondo al centro della nostra terra, e vi può essere qualche collegamento col segreto dei Templari?

'Prossimamente entro gli inizi del 2006, uscirà sempre per la Edaat Framar editrice la Gaia Scienza, una mia nuova opera, “Alla ricerca della mitica Thule” dove si parla ampiamente di quasi tutte le spedizioni compiute dagli studiosi inseriti nelle SS e chiamata Ahnenerbe Forschnng und Gemeinschaft, ovvero l'Istituto di studi e ricerche dell'eredità ancestrale germanica. Gli appartenenti a tale istituzione erano animati da un profondo spirito della ricerca per la conoscenza, attraverso ipotesi e teorie alternative, rivoluzionarie e anticonformiste. In tale contesto si devono inquadrare le varie spedizioni nel mondo per trovare il mitico regno sotterraneo di Agharti, che secondo certe tradizioni, sarebbe stata la culla di ogni civiltà. Anche il mitico regno del prete Gianni fu oggetto di ricerca da parte del suddetto istituto incorporato nelle SS. Molti studiosi ubicherebbero tale regno nella attuale Etiopia e sicuramente secondo quanto ci riferiscono documenti da poco tempo declassificati, ci sarebbe stato un collegamento con i leggendari Templari. Infatti, quando "tale regno fu in pericolo per il tentativo di invasione da parte dei Musulmani, accorsero in loro aiuto proprio i Templari del Portogallo, riuscendo così a preservarlo dalla forzata islamizzazzione. Da considerare che in Etiopia c'è una forte presenza dei cristiani Copti che come fulcro ha il lago Tana dove si dice vi sia conservata l'Arca dell'Alleanza,oggetto di ricerca anche questo di un reparto nazista tra il 1936 e il 1941.

Un altro testo al quale sta ancora lavorando illustra i vari luoghi enigmatici della nostra Italia, e i fenomeni più misteriosi che vi si verificano, inspiegabilmente... Può preannunciarci qualcosa in merito?

Quest'altro libro su cui sto lavorando riguarda gli "inspiegabili fenomeni" avvenuti in Italia, di cui gli ultimi eventi rimasti tutt'ora irrisolti accaduti all'inizio del 2004 presso Canneto di Caronia in Sicilia, dove si sono verificati effetti elettrostatici, incendi di veicoli e mortalità inspiegabile di molti animali. Effetti che colpirono con la stessa intensità San Gottardo presso Vicenza nel febbraio del 1990. Molte le spiegazioni, dall'ipotesi iperspaziale alle supposizione geofisica, alla distorsione temporale a ipotesi sulla presenza di entità non di questo mondo, o riconducibile al fenomeno delle "autocombustione umana". Fenomeni inesplicati che continueranno a far discutere.

Per concludere, a suo giudizio la scienza di que sto nuovo millennio sarà in grado di darci finalmente delle risposte ai tanti quesiti che da millenni ci portiamo appresso, tra dubbi e incertezze, desiderosi di un po' di luce e verità?

La scienza soprattutto nel XX secolo, ha fatto passi da gigante, ma non è in grado di risolvere tutti i misteri di questo mondo, infatti se alcuni fenomeni inspiegabili non sono riproducibili in laboratorio allora le spiegazioni potranno essere prese nel campo paranormale ed esoterico'.

rubrica


Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza