Servizi
Contatti

Eventi


L'attesa perlata di stelle e rugiade

Questi versi, che Maria Luisa dedica al nipotino Alessandro, non esprimono semplicemente l’amore di una nonna: vanno al di l o - meglio sarebbe dire - restano in uno spazio e in un tempo indefiniti, dove nessuna distanza separa dall’innocenza perch gli uomini sono ancora fusi e “(con)fusi” con “l’acqua prima della vita”; sono ancora “bambini come Dio (li) vuole”.

Ho voluto riportare qualche breve lacerto tratto da Beato stato di grazia in quanto la lirica - a mio avviso - d l’idea della dismisura, dell’eterno che, con la nascita del piccolo, filtra nell’anima di chi scrive.

Ecco, dunque, chiarito il mio pensiero: Alessandro “grillo salterino”, “pulcino”, “scoiattolino”, “koala”, ma, soprattutto, guizzo di “uno cento mille folletti che abitano il bosco”.

Un luogo incontaminato, sospeso, anche dopo la nascita, nel tempo-non tempo dell’attesa, “nella perenne duplice realt” perlata di stelle e di rugiada.
Recensione
Literary 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza