Servizi
Contatti

Eventi


Femminili impronte

Il titolo di questa raccolta di poesie d’amore di Fabio Barbon gi indicativo delle sue qualit: le impronte indicano un attaccamento alla terra, l’aggettivo “femminile”, invece fa riferimento ad una figura di donna che a volte quasi angelicata, a volte fortemente corporea e carnale. Insomma si tratta di poesie che si muovono fra cielo e terra, dai caratteri elevati a quelli pi concreti. Nella poesia da cui tratto il titolo della raccolta Barbon ci dice: “Ti amo / per i tuoi vestiti di silenzio” , e subito dopo “Ti amo / per il gioco dei sensi”. E ancora l’autore ci parla di una donna che “ti dorme accanto” in cui “l’universo ti vicino”, e poi del sesso: “Il tuo sesso una fermata d’autobus / un’ attesa per poi salirci sopra”. Il tema dell’amore non facile da affrontare in quanto si rischia di incorrere in frasi scontate e termini abusati, ma in questa raccolta ci non accade. Percorrendo il cammino indicato dall’autore ad ogni poesia si rimane con il fiato sospeso e si resta in attesa della successiva che sempre porta nuove sorprese. “Il verbo amare / il pi coniugato / ma nei tempi e nei modi / il pi bistrattato.”

E ancora Barbon ci dice che l’altro sesso “viaggio nel cielo / ad ogni atto d’amore; / annullamento del mistero / un dono di luce. / L’altro sesso / rimane solo “altro”, / per chi non vive / questo salto quantico.” Questo modo di trattare l’amore in versi profondamente spirituale ma sa essere anche fortemente concreto: “mia stagione del cuore / il viverti accanto”.

Ricorre frequentemente la parola “sogno”. Il gioco dei sensi nell’amore “ deriva di sogni e desideri”. Oppure ancora “Nell’alveo dei sogni / scorre il mio amarti”. Nell’amore corporeo “il risveglio cancella il sogno”.

L’autore d una bellissima definizione della donna: “In una donna che ti dorme accanto / l’universo ti vicino “e nell’accarezzare quella donna concreta che porta in s l’universo l’autore ritrova se stesso. Fabio Barbon con la sua poesia non poteva esprimere sulla donna un concetto pi bello, del resto come quello gi espresso prima, nel quale per un salto “quantico” quando due corpi si fondono uno nell’altro c’ una totale unione che supera “l’altro”.

Recensione
Literary 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza