Servizi
Contatti

Eventi


Paura della bellezza - aforismi

Gli aforismi di Velio Carratoni compongono una sorta di testamento spirituale, denso di pensieri brevi, talvolta profondi ma anche leggeri, di una semplicità voluta perché diretti a far riflettere il lettore sulla realtà.

Con interrogativi e sentenze, l’Autore tocca questioni inerenti l’attualità, il costume, la cultura, la politica, la psicologia e la società.

La ricerca della verità, tratto distintivo della sua produzione, caratterizzata da un realismo “trasgressivo” – come lo definì il critico Stefano Lanuzza –, si ritrova anche nel testo, in cui lo scrittore afferma: “Meglio pane al pane che versi manipolati per sfoggiare false pretese”.

Si coglie una nota di pessimismo quando Carratoni, nel rilevare la decadenza dei tempi attuali (“tempi da ultimi giorni di Pompei”), sostiene che la scrittura non debba tradursi in un ripiegamento su se stessi perché ciò sarebbe in contraddizione con la sua funzione comunicativa, rendendola sterile.

Si può condividere, dunque, il livore polemico sia nei riguardi di un sistema culturale che esalta scrittori e intellettuali inconsistenti quanto spocchiosi (“Certi autori si sentono alti papaveri”) che verso la politica, ridotta ormai a un eterno teatrino, “un bene da rapinare” nel quale “ogni idealità viene disprezzata e derisa” e il destino della gente comune è quello di essere manipolata, “imbrogliata da cialtroni”.

Alcuni frammenti ruotano attorno alla bellezza, di cui si ha paura perché confonde – a differenza della cultura “che svela” – nel suo essere ingannevole e di per sé sfuggente. Oggi la bellezza, sempre più confusa con l’esteriorità, si lega all’apparenza al punto da “degenerare in una mascherata”.

Gli aforismi non si prestano a una lettura frettolosa: ogni frase induce a meditare e a mettere in discussione le certezze acquisite perché, come direbbe Carratoni, “il dubbio ci salva”.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza