Servizi
Contatti

Eventi


Tutti gli chef sono in TV ...e noi andiamo in trattoria

Saggistica. Certamente il cibo costituisce una cultura, essendo un elemento necessario alla vita, ma anche suscettibile di diventare una vera e propria arte. Il volume, riccamente illustrato, contiene interessanti notizie e aneddoti, a iniziare dal nome Arrigo. Siamo nel 1932, anno XI dell’Era fascista. Nasce Arrigo, ma il nome che gli si voleva dare era Harry in onore dell’Harry’s Bar. I nomi inglesi però erano proibiti, perciò si dovette ‘ripiegare’ su Arrigo, diciamo una ‘traduzione’. Basti pensare che vi era all’epoca addirittura un ‘ghetto’ per le parole straniere, e talune venivano tradotte in modo quasi ridicolo, per esempio sport con diporto.

Ma, tornando a noi, qual è lo spirito che informa questa pubblicazione? Ce lo dice in sintesi il titolo. Difatti, vi è ormai una invasione di cuochi e cuoche che presentano le loro ricette in TV, talvolta inviate da ascoltatori. Quant’è meglio allora tornare alla concretezza delle cose, e recarsi nelle osterie – se ancora ce ne sono – e nelle trattorie; a esser pignoli trattoria è un francesismo, poiché proviene da tratteur: i vecchi dizionari le definiscono osterie di lusso.

È universalmente noto che in trattoria si mangia bene, forse meglio di tanti ristoranti il cui termine ha assunto quasi l’idea di essere a un livello superiore. Abbiamo qui tra l’altro uno spaccato degli anni del dopoguerra, e chi ha una certa età potrà rivedere immagini che restano nella memoria. Per esempio, chi più ricorda che Mina all’inizio della sua carriera si faceva chiamare Baby-Gate?

Non poteva mancare una citazione per Pellegrino Artusi, che ha dimostrato di ‘insaporire’ il suo storico manuale con brillanti episodi. Completa l’opera una serie di schede’ nella sezione ...e noi andiamo in trattoria: trattorie del Nordest con indicate le specialità della ‘Casa’.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza