Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Che i versi d’esordio (per quanto composti negli anni 1954-1957) dell’autore nascano da una ‘limatura’, come voleva Leopardi, lo si vede dall’acribia testuale: la forma è quella del sonetto, salvo ‘Qualcosa su Orbetello’; nelle rime la perizia è rimarchevole; l’esempio di rima ipermetra è dal sonetto ritornellato (1) Casa di gesso (vv. 5-6): ‘Ilari, mobili uccelli vanno a tondo | tra le siepi di bosso e si diffondono’. L’eleganza della scrittura spicca nelle immagini di Ape fruttifera: ‘Labbra di viola che hanno alla smorta | luce un loro inquieto balenare’ (vv. 3-4).

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza