Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Opera prima. L’autore, nato a Roma nel 1966, possiede già un retroterra poetico (pubblicazioni su riviste). Si presenta quindi con una raccolta matura e pienamente realizzata. Liriche la cui principale cifra espressiva e stilistica sembra essere la sintesi. Scrive Giachery che la ‘Tuscia ha il suo poeta’: un genius loci verrebbe da dire, sennonché qualsiasi ‘oggetto’ può trasferirsi da una determinata area (qui geografica) a più ampi orizzonti: questo grazie all’ispirazione. Certe intuizioni non hanno confini: ‘In un guscio di luce | l’infinito smarrirsi | del sale’ (Alba sul mare): metafora? sineddoche? immagine, la luce in particolare, che è ricorrente. Ma ovviamente il poeta sa distendere il verso e la strofa, e ci consegna luoghi che la parola ricostruisce, spesso in prospettiva religiosa.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza