Servizi
Contatti

Eventi


Narrativa. Immedesimarsi nella psicologia canina non è facile; alcuni ci hanno provato, per esempio Kafka, ma i ‘ragionamenti’ conducono, almeno in parte, a una psicologia umana. Questo romanzo ‘canino’ in prima persona è però condotto con intelligenza, e talune osservazioni sono pienamente condivisibili: l’odio è ‘sentimento del solo uomo’ (p. 118) e gli animali sono aggressivi per necessità (p. 71). Che esista un ‘linguaggio’ nei cani è indubbio, tra cui la gestualità (p. 84). L’autore è, tra l’altro, noto per l’antologia del ‘Riposo di Snoopy’. Il presente libro permette di vedere nella giusta ottica i rapporti tra l’uomo e il cane, e, in senso più lato, tra l’uomo e gli animali, che possono diventare membri della famiglia umana. Curiosità: le origini del detto popolare ‘fortunato come un cane in chiesa’ sono illustrate a p. 103.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza