Servizi
Contatti

Eventi


La collina degli spaventapasseri

Letteratura per ragazzi. Alfredo Pirri (1943-2014) è stato un pittore autodidatta, e si è dedicato non solo alla pittura a olio o all’acquerello, ma anche all’incisione (acquaforte). Ha esposto in diverse mostre in Italia e all’estero. Nel 2011 sempre con lo stesso editore ha pubblicato Uccelli e piccole storie: questo libro vede quindi la luce dopo quattro anni dalla scomparsa dell’autore.

Il tema scelto come favola dai toni delicati è oggi di attualità proprio perché di spaventapasseri non se ne vedono più tanti. Il protagonista della storia viene costruito con materiale di riciclo, infatti la testa è rappresentata da una casseruola, perciò lo spaventapasseri in questione assume tale nome. La coerenza narrativa del testo in un certo senso può essere presa a modello, poiché la vicenda mostra alcune particolarità. Per esempio: Casseruola può camminare sui due bastoni che sostituiscono le gambe, e fa molte conoscenze tra gli animali, tra cui un riccio, un merlo, un ramarro. C’è anche una storia nella storia allorché il gufo, umile e dotto, vuole rievocarla.

Nel poetico finale lo spaventapasseri torna ciò che era: che sia questa una parabola applicabile all’esistenza umana?

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza