Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. Il senso della vita (Quella lunga scala): questo forse il tema essenziale che ci propone la consistente raccolta – più di duecento liriche – che tocca, si può dire, tutte le corde emotive e descrittive, spirito e natura. Non è facile ‘sintetizzare’ tanta ricchezza di idee, ma è certo che la poesia della Pomina necessita di ‘espansione’ per cogliere di volta in volta non solo il già detto ma “parole ancora da pronunciare” (p. 13), per concludere col testo eponimo. Spesso gli incipit sono di rilevante bellezza figurativa: “Ho perduto in una ventosa sera di fine estate | una storia già morta e non più mia” (Vivere in un diverso tempo) o “Ore vuote nell’aria silente | in questa bianca spiaggia” (Ultimi pezzi di vita). Anche se estesi, i versi si distinguono per ritmo e musicalità, ad esempio l’alessandrino con dialefe “sono speranze precarie come fiammelle al vento” (Prigionia). Con tratti forti o lievi (il finale di Essere o esistere?) si delineano paesaggi di rara suggestione (Mare). Di opera in opera l’autrice ci dà conferma di uno stile personale ma sempre comunicativo.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza