Servizi
Contatti

Eventi


Visioni di poesia contemporanea

 

Antologia. Per antologia si intende comunemente una raccolta di testi scelti di vari autori, e in questo caso l’opera fa veramente onore al suo nome per i prestigiosi poeti che vi compaiono, poeti che a buon diritto fanno parte della storia letteraria del Novecento e oltre.
Prendiamo come esempio Nevio Nigro. Nasce a Tripoli nel 1930 e si laurea a Bologna. Più di duecento pubblicazioni scientifiche. La prima silloge poetica appare nel 1976. Una produzione vasta e di notevole livello. Una sensibilità che penetra la realtà e la trasfigura: “È rimasta un’ombra | ferma sull’acqua” (Nessuno vide). La purezza della linea ‘melodica’ anche su versi brevi è evidente. Nigro è rimasto fedele al suo stile: strofe in genere ridotte, sintesi dell’immagine e del significato, cogliendo l’effimero e le impressioni, specialmente se suscitate dalla natura: “All’ombra | della nuvola | che passa” (Attesa). Si fondono insieme le assenze: “Ho atteso a lungo | la tua luce pallida | sul mio silenzio” (Emozioni mute); cfr. incipit di Sposalizio. Una poetica moderna e nello stesso tempo classica.
Gli altri autori, a conferma dell’importanza di questo florilegio: Giorgio Bárberi Squarotti, Giuseppe Conte, Anna Maria Farabbi, Franco Loi, Dante Maffìa, Giancarlo Pontiggia, Silvio Raffo, Antonio Spagnuolo, Cristina Sparagana, Maria Luisa Spaziani († 2014), Eugenio Vitali.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza