Servizi
Contatti

Eventi


Il libro di Angela Fabbri vuol essere un invito al dialogo con il computer, oggetto indispensabile ed onnipresente. L'analfabetismo classico è stato sostituito da quello "informatico". E' questa, un'ignoranza pericolosa perche ci taglia fuori dal mondo, pervenendo così, all' arretratezza di una persona, di una ditta, della professionalità. L'autrice espone la straordinarietà della rete Internet e del suo carattere cosmopolita. Il testo è diviso in due parti: nella prima, "Il Vecchio mondo", narra la storia fantastica di Logon e Logoff , nella seconda espone la storia di Internet, presentando il tutto come la favola di una nascita. "Internet", scrive Angela Fabbri, "è la più grande madre del mondo, il suo nome significa grande mamma di tutte le reti, è la mia mamma", dice il figlio Intranet che si rattristava quando la madre stava via per lavoro, ma che poi ne sarà anche geloso. Da MVS e Internet poi nacque una femmina, Open. Questa storia si configura come una personificazione dei programmi e delle componenti del PC, essi parlano, pensano, agiscono, l'autrice dona loro un animo. Il signor Word, appare come un distinto omino d'altri tempi, che ama scrivere. Alla fine del testo, appare una legenda dei nomi dei personaggi che hanno animato questa storia atipica ed originale, ricco di simboli ed immagini irreali che si legge volentieri.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza