Servizi
Contatti

Eventi


Mezzo secolo nei racconti di Elisa

Molti spogliano le case dei nonni e altri, se sono rimasti senza ricordi tangibili, si rivolgono ai vari mercatini dell'antiquariato, che in questi ultimi tempi si sono moltiplicati nella ricerca di una memoria e comprano le cose più disparate per compensare, in questa spasmodica fretta di vivere, quel vuoto che lascia l'amaro in bocca.

Cosi scrive Elisa Borin Sala nella prefazione al suo ultimo libro Il muro oltre la porta, pubblicato da Piazza editore. Una raccolta di racconti autobiografici che risalgono indietro di cinquant'anni nella storia trevigiana, descrivendo luoghi e persone che trovano posto significativo anche nella memoria collettiva. Il tutto filtrato dagli occhi timidi di una bimba solitaria, incapace di sfondare il muro di incomunicabilità che la avvolge, la cui solitudine più che fisica è dentro l'anima. Sfollata fuori città durante la guerra, Elisa rimane pietrificata sulla grata del cancello mentre passano quelli che definisce "gli scampati vivi" del tragico bombardamento di Venerdi Santo 7 aprile 1944. "Erano sporchi e spaventati, trascinavano carretti e biciclette strapieni di ogni tipo di masserizie. Ricordo il loro silenzio rotto solo dallo scricchiolio delle ruote di legno sulla strada sterrata... e mia madre piangente che chiedeva notizie sul bombardamento e sulla sua famiglia".

Frammenti di immagini, odori, sapori d'infanzia che molti in città ricordano ancora: le chiese con i banchi divisi tra uomini e donne, le ragazzine cacciate fuori dalla porta se il loro abito veniva giudicato "sconveniente" dalla suora di turno, le lavandiaie chine sui lampor del Sile, le masanete e i bogoi della Pescheria, la magia del Teatro Comunale. Elisa Sala Borin svela la sua vita attraverso parole e disegni, che accompagnano i racconti intrisi di nostalgia.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza