Servizi
Contatti

Eventi


Poesia. L’univerbazione (ripresa da M. G. Lenisa, la madre) crea la fusione tra la minima unità di significato (sema) e l’universo (cosmo), memore che all’inizio fu il Verbo (cfr. D. Puccini, p. 11); si potrebbe supporre, a prima vista, trattarsi di poesia cosmica, un filone che da alcuni decenni ha avuto notevole fortuna, sennonché qui vi è un aspetto tipicamente femminile, di elegante vena figurativa e penetrante sensibilità, che l’avvicina al sentire più intimo e poetico dell’io; valga per tutte proprio la poesia d’apertura, La quarta dimensione: “Brillio segreto della Luna, | è quasi giorno | in principio d’Aprile”.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza