Servizi
Contatti

Eventi



La luce di Venere
sull’Acropoli di Populonia

Parco Archeologico di Populonia.

Veduta d'assieme della città etrusca.

È di grande fascino la visita all’Acropoli nel Parco Archeologico di Populonia, sopra il golfo di Baratti, dopo le scoperte effettuate in questi anni grazie ad un’importante campagna di scavi. Abbiamo partecipato alla fine del mese di agosto ad una visita guidata insieme ad un gruppo di amici e ci ha colpito, in particolare, il dato che sta emergendo della presenza sulla sommità della collina di un tempio dedicato a Venere, come divinità protettrice dei marinai e della “buona navigazione”, venerata in tanti santuari a lei dedicati nei porti del Mediterraneo. Il tempio è ornato da meravigliosi ex-voto, in mosaico, ed è dotato di uno spazio termale per i devoti.

Forni fusori sulla spiaggia.

Il porto marittimo.

In maniera intelligente l’attuale amministrazione del Parco tiene informati i visitatori delle ricerche in corso e consente loro di prendere cognizione degli affascinanti risultati; sono previste più visite giornaliere con guide ben preparate.

Durante la nostra visita, del 28 agosto 2019, una vasta serie di elementi sono stati posti all'attenzione dei visitatori. Industria etrusca, poi romana, del ferro sulla spiaggia e golfo “coperto” da fuliggine. Storie di prostitute sacre, miti, scampati naufragi. Populonia unica città etrusca sul mare: come rivedere, a colori, templi e case lungo la via basolata su cui si cammina oggi e da più di mille anni. Fino alle mura “ciclopiche” mai percorse prima in esterno, che nel tratto basso tagliano in due il Promontorio.

L'area di accesso.

La via Sacra.

Abbiamo illustrato la visita con le immagini di un breve video:

Visita al Parco Archeologico di Populonia (YouTube)

Il percorso della visita: si comincia, all’ingresso del Parco, dalla ricostruzione del basamento del tempio C, tra Demetra e il dio etrusco del vino, Fufluns (Dioniso per i greci, Bacco per i romani) per passare all’edificio conosciuto come le Logge e al nuovo percorso di visita fino alle mura.

L'edificio con le logge..

Ricostruzione dell'edificio con le logge.

Si pensa che l’edificio noto come le Logge sia un santuario marittimo su terrazze dedicato a Venere Euploia, ovvero della buona navigazione, protettrice dei naviganti. Questo grazie a un certo numero d’indizi, ovvero la scena di naufragio sul mosaico dei pesci, un ex voto per uno scampato naufragio, dove un marinaio indica un’immagine doppia, vista da un'angolazione un mollusco, dall’altra una colomba, animale sacro a Venere... la testimonianza di Phylica, nome di una fanciulla di origine greca, prostituta sacra che lasciò traccia di sé incidendo il nome su una ceramica. O il mosaico dei neri, con scena di schiavi etiopi che rimandano agli ambienti del culto di Venere, in uno degli ambienti delle terme del santuario.

Nel terrazzo sopra le Logge (sopra agli archi), vi sono diversi edifici del culto di Venere tra cui le stesse terme del santuario. Da questo terrazzo, affacciato sul golfo e sul castello di Populonia, una vista spettacolare.

Cartello per Venere.

Ex voto in mosaico raffigurante un naufragio.

Una delle aree interessate dai lavori riguarda poi le mura dell’Acropoli. Il nuovo percorso passa in esterno alle cosiddette mura alte, mura poligonali costruite in grandi blocchi di macigno che proteggevano la città alta, con gli edifici pubblici e sacri e le abitazioni più lussuose, sviluppandosi su di un percorso di circa 2,5 km, che cinge i poggi del Castello e del Telegrafo.

Le ricerche archeologiche, in collaborazione con l’università di Siena, per aprire il percorso alle mura, hanno poi riscritto la cronologia di questa imponente opera di difesa che, tradizionalmente datata a epoca etrusca (VI secolo a.C.), deve oggi essere attribuita agli inizi del III secolo a.C. in un momento in cui già Populonia è entrata nell’orbita di Roma che poco dopo, nel corso del II secolo a.C., ne ridisegnerà l’urbanistica con un grande progetto edilizio che è quel che oggi vediamo: templi, strade basolate, santuario su terrazze, domus.

Area termale del tempio di Venere,

Mura ciclopiche.

La guida.

Tramonto.

Al termine della visita ai “nuovi” tesori dell’Acropoli, l’incontro con lo spettacolo del tramonto dal vicino belvedere presso il Castello di Populonia, aperto, dall’alto, sulla distesa infinita del mare, l’area marina denominata, in anni recenti, “Santuario dei Cetacei”, che si estende dall’Arcipelago Toscano, alla Liguria, alla Provenza: spettacolo molto frequentato, ogni sera, momento memorabile per improntare passi di danza, andare con il pensiero ai miti di Venere e di Populonia, ascoltare il suono del vento e della poesia.

Il navicello

Acqua fangosa. Immagino
fantastiche figure in fuga
dai racconti del mito,
dalle pagine della poesia.

Luce calda, riflessi
del mosaico etrusco,
mille tessere di suoni
intrecciati in una melodia.

Guizzano naselli e calamari
mormore e gattucci.
Il naufragio al centro. L’onda
travolge il navicello.

Intorno la foresta di alghe
i resti di antichi relitti.
Sul marmo due serpi in amore.
Gorgoglia la sorgente, al porto.

Il ribollire della risorgiva
scioglie neri ricordi,
scioglie bolle di versi
per le serpi in amore.

L’aruspice

Ascolto il silenzio
dalla rocca, lontano
da spiagge affollate.
L’aruspice etrusco
segue il volo del falco,
coglie i segni del cielo
La violenza del giorno
è lontana, la città
torna all’antico mistero.
La processione sale
all’altare sulla collina
per il sacrificio. Il sangue
nutre la vita del mito.

“Navicello Etrusco. Per il mare di Piombino.”, R. Mosi, Il Foglio, 2018.

Navicello etrusco. Per il mare di Piombino (YouTube)

I visitatori di fronte al tramonto.

Tramonto.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza