Servizi
Contatti

Eventi



Il ricordo, la campana della Badia
e la lettera a Dante

Incontro del 13 settembre 2021.

Manifesto del Circolo degli Artisti per l'incontro del 13 settembre 2021.

L’anniversario della morte di Dante Alighieri può essere posto nel giorno del 13 settembre, dopo il tramonto; durante il viaggio da lui compiuto a Venezia come ambasciatore di Guido Novello, fu colpito da malaria nel ritorno attraverso le terre paludose del Delta Padano. In questo giorno, appunto, la sera, alle 18 del 13 settembre 2021, lo abbiamo ricordato presso la Società delle Belle Arti Circolo degli Artisti “Casa di Dante” di Firenze, nella piazzetta di via Santa Margherita, dopo il suono, coinvolgente, della campana della Badia Fiorentina, quella stessa campana alla quale fa cenno il Poeta con le parole di Cacciaguida (Par. XV, 97-99):

Il Presidente della Società delle Belle Arti.

Renato Simoni.

Fiorenza, dentro da la cerchia antica
ond’ella toglie ancora e terza nona,
si stava, in pace, sobria e pudica.

La piazzetta davanti alla Casa di Dante.

Dopo il suono della campana, ascoltato in religioso silenzio dal pubblico di amici e di cittadini interessati all’evento, le parole della lettera rivolta al nostro Concittadino, in un momento solenne, proprio nel luogo della sua nascita:

Roberto Mosi legge la lettera a Durante.

Il momento del suono della campana al tramonto alle 18.

Sestiere di S. Pier Maggiore in Firenze, 13 settembre

Carissimo Durante,

ci rivolgiamo a te, al di là della distanza nel tempo e nello spazio, in questo 2021, un anno difficile, colpito da una nuova peste. In questo periodo è stato di conforto avvicinarsi alla tua opera, parlarne con gli altri, allontanando dal pensiero i fantasmi della paura. Lo facciamo in modi diversi, negli incontri tenuti con grande prudenza, raccogliendo i nostri pensieri, con scritti, disegni, pitture, fotografie che celebrano il tuo impegno.

Poniamo in mostra le opere che ti celebrano come poeta, come politico, proprio qui, nel Sestiere di San Pier Maggiore, dove il tuo bisnonno Alaghieri aveva casa e leticò con i frati della Badia per il fico che invadeva il loro orto, dove tua mamma Bella ti allattò.

Sono passati settecento anni, la città non ha perso il suo carattere litigioso, divisa in fazioni; il mondo è segnato da violenze tremende, a cominciare da quelle nella lontana terra dell’Afghanistan. Ma più il tempo passa, più cresce l’ammirazione per te, specie in questo tempo di pandemia che ci spinge a pensieri meno liquidi e banali; ti sentiamo vicino ascoltando ancora le campane della Badia, camminando sul selciato del tuo Sestiere, la tua poesia ci avvicina all’idea della universalità della comunità umana, ci fa scoprire chiavi preziose per pensare ad un futuro migliore,

I tuoi concittadini

Simonetta Lazzerini di Florio.

Giuseppe Cavallo vice presidente della Società.

Andrea Simoncini.

Carlo Menzingher.

Nicoletta Manetti.

Roberto Mosi nell'intervento finale, La preghiera alla Vergine.

Dopo il saluto del presidente della Società delle Belle Arti, Franco Margari, sono seguite le letture della Divina Commedia, registrate puntualmente e disponibili all’indirizzo: https://www.facebook.com/circoloartisticasadante/videos/2905614646370703 .

Il video dell'incontro (da Facebook.com)

Sono intervenuti:

- Il vicepresidente Giuseppe Cavallo: Par. XXV,1-9: “Se mai continga ..”
- Renato Simoni , Inf. Canto X, Farinata degli Uberti
- Simonetta Lazzerini di Florio, Inf. XXXIII, Conte Ugolino
- Andrea Simoncini, a nome Officina del Mito, con l’annuncio della prossima Mostra: “Il concittadino Dante, dal Sestiere di San Pier Maggiore al mondo interno”
- Severino Saccardi, direttore della rivista Testimonianze
- Carlo Menzingher, a nome del Gruppo Scrittori di Firenze, con l’annuncio dell’uscita dell’antologia “Gente di Dante”
- Franco Margari, Inferno XXVI, il personaggio di Ulisse
- Nicoletta Manetti, Purg. XXX, l’apparizione di Beatrice
- Roberto Mosi, Par. XXX “preghiera alla Vergine”

L'ingresso alla Casa di Dante.

La statua del marchese Ugo che si staglia sul campanile della Badia Fiorentina.

Copertina completa del libro Ogni sera Dante ritorna a casa.
Scheda del libro Ogni sera Dante ritorna a casa.
Lapide al Battistero.
Roberto Mosi presso la lapide con la preghiera alla Vergine.

Alla fine dell’incontro davanti alla “Casa di Dante”, Roberto Mosi ha fatto da guida in un breve percorso nella parte centrale del Sestiere di San Pier Maggiore, illustrando i luoghi danteschi e le lapidi con i versi della Divina Commedia. I riferimenti sono stati presi dal libro Ogni sera Dante ritorna a casa. Sette passeggiate con il poeta, Edizioni Il Foglio.

Una serata commovente, scandita dal suono della campana della Badia Fiorentina, viva nel ricordo sempre attuale di Dante Alighieri, ricordo che lo rende vicino a noi anche nella vita di oggi.

articolo


ultimi articoli
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza